Flora e fauna del Tibet

Tibet

El Tibet ha un paesaggio impressionante. Qui nascono fiumi come il Brahmaputra (tsangpo in tibetano), lo Yangtze (drichu) o l'Indo (sengue khabab). Attualmente esiste un serio problema con l'ubicazione delle scorie nucleari in Tibet e con l'enorme deforestazione che si sta verificando nell'area.

Da segnalare anche un forte sfruttamento delle risorse minerarie. Il grande pericolo dell'ecosistema tibetano è che è molto prezioso ma, allo stesso tempo, estremamente delicato e fragile.

Vengono coltivati ​​cereali come grano, mais o orzo. Coltivano anche senape, cavoli, cavolfiori, coriandolo, patate, riso, barbabietola da zucchero e tabacco, tra gli altri.

Alberi da frutto come meli e ciliegi e altri come castagni e noci crescono in Tibet, solo per citarne alcuni. Una pianta ampiamente coltivata è senza dubbio il tè (nelle sue numerose varietà). Molte delle piante che vi crescono sono utilizzate per la medicina, poiché ce ne sono più di duemila per curare cancro, ulcere, malaria, diabete, anemia, tubercolosi.

C'è una grande varietà di animali: 40 specie endemiche di mammiferi, 23 di uccelli, 2 di rettili e 10 di batraci. Alcuni sono: lo yak, l'antilope tibetana, il panda gigante e il panda rosso e la marmotta himalayana. La maggior parte della flora e della fauna tibetane sono concentrate nelle zone più umide dell'est e del sud.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1.   BACCHE DI JOEL ALEXANDER SUCUZHANAY suddetto

    Chi è l'autore?