Giochi e sport nell'antico Egitto

Immagine | Pixabay

Nelle antiche culture del Mediterraneo, la pratica dello sport era strettamente legata alle celebrazioni religiose e al tempo libero. Tuttavia, il concetto di sport nell'antico Egitto è molto diverso da quello che è oggi.

Alcuni ricercatori, infatti, sostengono che praticassero esercizio fisico e non sport in quanto tale perché non avevano nemmeno una parola per riferirsi a questa attività. Com'era lo sport nell'antico Egitto?

Cos'era lo sport nell'antico Egitto?

Il clima del paese era ottimale per trascorrere la maggior parte della giornata all'aria aperta e che favoriva la pratica dell'esercizio fisico, ma senza avere la concezione di essere uno sport come è attualmente concepito. Tuttavia, conoscevano perfettamente il rapporto tra attività fisica e buon tono muscolare.

Fondamentalmente, lo sport nell'antico Egitto consisteva in giochi all'aperto e combattimenti militari e addestramento al combattimento. In alcuni siti archeologici sono state trovate tombe con immagini che rappresentano arti marziali che ricordavano il karate e il judo. Una rappresentazione pittorica è stata ritrovata anche nella tomba di Jeruef dove diverse persone appaiono in posizione di combattimento come se si trattasse di un incontro di boxe.

Un altro sport praticato nell'antico Egitto è l'atletica leggera. Si trattava di piccole gare da un punto all'altro per vedere chi era più veloce. Stare molto all'aperto, correre o nuotare erano attività molto comuni per loro.

Un'altra attività sportiva di natura sporadica praticata dagli egiziani è la caccia agli ippopotami, ai leoni o agli elefanti. Ci sono storie che dicono che il faraone Amenhotep III venne a cacciare 90 tori in un giorno e che Amenhotep II fu in grado di perforare uno scudo di rame scagliando cinque frecce con lo stesso arco. Per quanto riguarda le persone, cacciavano anche ma si trattava di piccola selvaggina come la caccia alle anatre nel fiume.

Gli egiziani organizzavano anche corse di carri e gare di tiro con l'arco, che era lo sport per eccellenza a quel tempo.

Chi praticava sport nell'antico Egitto?

Migliaia di anni fa, l'aspettativa di vita non era molto lunga e in Egitto non superava i 40 anni. Ecco perché le persone che praticavano sport erano molto giovani e inclini all'attività fisica.

Le donne praticavano sport?

Sebbene tu possa pensare diversamente, le donne dell'antico Egitto praticavano sport ma non erano attività legate alle corse, alla forza o all'acqua ma alle acrobazie, al contorsionismo e alla danza. Cioè, le donne svolgevano un ruolo di primo piano nei banchetti privati ​​e nelle celebrazioni religiose come ballerine e acrobati. Oggi potremmo dire che queste donne facevano qualcosa di simile alla ginnastica ritmica.

Immagine | Pixabay

Lo sport era considerato uno spettacolo nell'antico Egitto?

A differenza di altri popoli come i romani o i greci, in Egitto lo sport non era concepito come uno spettacolo. Attraverso le immagini e le rappresentazioni che sono state rinvenute negli scavi archeologici, non è stato possibile trovare riferimenti a grandi sedi o scenari legati a grandi spettacoli sportivi.

Ciò significa che nell'antico Egitto non esistevano i Giochi Olimpici, ma piuttosto Gli egiziani gareggiavano nella sfera privata e lo facevano semplicemente per divertimento. Non c'era nemmeno un pubblico.

Tuttavia, in via eccezionale, c'era una festa che i faraoni praticavano e che poteva in qualche modo essere collegata a un evento sportivo. Questo festival si teneva quando i monarchi regnavano da tre decenni, rendendolo una celebrazione rara a causa della bassa aspettativa di vita della popolazione in quel momento.

Qual era la festa del faraone?

In questa festa-anniversario per i 30 anni del regno del faraone, il monarca doveva attraversare un recinto quadrato in una sorta di corsa rituale il cui obiettivo era mostrare al suo popolo che era ancora giovane e aveva abbastanza vitalità per continuare a governare Paese.

La prima festa del genere veniva celebrata dopo 30 anni di regno e successivamente ogni tre anni. Ad esempio, si dice che il faraone Ramses II sia morto con più di novant'anni, quindi avrebbe avuto tutto il tempo per fare varie feste essendo un'eccezione nel tempo.

C'è stato un faraone che si è distinto come atleta?

Il faraone Ramses II fu molto longevo e partecipò a diversi festival-anniversari ma era it Amenhotep II che era considerato il prototipo del monarca atletico, da un punto di vista estetico o fisico.

Immagine | Pixabay

Che ruolo ha avuto il Nilo per lo sport in Egitto?

Il fiume Nilo era l'autostrada principale del paese in quel momento, attraverso la quale venivano spostate le merci e le persone viaggiavano. Per questo venivano utilizzate barche a remi e a vela, quindi gli egiziani erano bravi in ​​questa disciplina.

Ecco perché nel Nilo si potevano organizzare delle gare private, sia in barca che a nuoto, ma non erano tornei con pubblico dove veniva premiato il vincitore.

Per quanto riguarda la pesca, viene conservata una documentazione che dimostra che Nel Nilo c'erano anche delle gare di carattere privato per vedere chi era capace di catturare di più..

C'era un dio legato allo sport nella mitologia egizia?

Nell'antico Egitto esistevano divinità per quasi tutti gli ambiti della vita ma curiosamente non per lo sport perché, come ho sottolineato prima, a quel tempo lo sport non era concepito come lo facciamo oggi.

Tuttavia, gli egizi se ne adoravano gli dei sotto forma di animali per le qualità che venivano loro attribuite. Cioè, gli dei con il corpo di un uccello erano ammirati per la loro agilità e capacità di volare, mentre gli dei con la forma di un toro erano fatti dalla forza che queste creature possiedono, come accade con altri animali come i coccodrilli.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*