Palermo

Veduta di Palermo

Palermo

Capoluogo della Sicilia, la città di Palermo si distingue per i suoi forti contrasti. Il più rilevante è quello che apprezziamo tra i suoi palazzi nobiliari, frutto di uno splendido passato, ei suoi quartieri più degradati, esempio evidente della secolare arretratezza economica del sud rispetto al nord Italia. Ma questi ultimi sono luoghi pieni di vita dove le persone parlano ad alta voce e la vita scorre lentamente.

Palermo è anche un mix di culture fenicia, cartaginese, greca e persino normanna e spagnola. Una ricchezza umana che contrasta anche con i crimini di mafia. Per tutto questo e molto altro ancora, è una città entusiasmante. Se vuoi conoscerla, ti invitiamo a unirti a noi.

Cosa vedere a Palermo

Un tempo abituati al traffico caotico di Palermo (consigliamo di tenere d'occhio le auto), abbiamo molto da vedere a Palermo: rovine cartaginesi, palazzi rinascimentali, chiese barocche o teatri neoclassici. Ma soprattutto l'insieme dei monumenti compresi nella denominazione Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale, che è un sito del patrimonio mondiale. Inizieremo la nostra visita.

Palazzo Zisa

Accoglie il visitatore presso uno degli ingressi della città, il via Calatafami ed è di fronte al convento dei Cappuccini, dove si trovano le catacombe omonime. Si tratta di un imponente edificio in stile arabo-normanno, la cui costruzione iniziò nel XII secolo. Puoi visitarlo e osservare all'interno pezzi di arte islamica e una fontana araba nella sala centrale.

Palazzo della Zisa

Palazzo Zisa

Palazzo dei Normanni

Si prosegue verso il centro di Palermo e si unisce allo spettacolare Porta Nuova, costruito nel 1583 come ingresso alla città, hai il Palazzo dei Normanni, un altro esempio di architettura che unisce lo stile di questa cittadina a quello arabo.

Inoltre, questo imponente edificio costruito nel IX secolo ospita all'interno del Cappella Palatina, che era quella dei re normanni di Sicilia e che combina gli stili precedenti con quelli bizantini. Di conseguenza, ha una cupola della basilica, sei archi a sesto acuto e tre absidi. Ma soprattutto, il suo interno, ricco di preziosi mosaici e opere d'arte, attirerà la vostra attenzione.

Palazzo Sclafani e Villa Bonnano

Seguendo la strada in discesa, troviamo il Palazzo Sclafani, costruito nel XIV secolo e ha un portale ad arco leggermente acuto con diversi aljimeces al secondo piano. Inoltre, attaccato a questo edificio è VIlla Bonnano, che, nonostante il nome, è un bellissimo giardino modernista. A proposito, ti interesserà sapere che, da uno dei suoi estremi, il file autobus turistici che mostrano Palermo ai visitatori.

Duomo di Monreale

Attraversando la Porta Nuova, arriverete al via Vittorio Emanuele, che percorre tutto il centro storico ed è una delle strade più frequentate di Palermo. Ma prima troverai il Duomo di Monreale o di Santa Maria Nuova, considerato uno dei migliori edifici arabo-normanni al mondo.

Fu inaugurato nel 1172 da Guglielmo II di Sicilia, che vi è sepolto e, se è spettacolare all'esterno, lo è ancora di più all'interno. Il suo intero interno è coperto da mosaici dorati che rappresentano scene della Bibbia e, inoltre, ha uno spettacolare chiostro di 228 colonne anch'esse riccamente decorate.

Cattedrale di Palermo

Duomo di Monreale

Quattro Canti

All'angolo della strada precedente con Via Maqueda, più precisamente in Plaza Vigliena, troverete il Quattro Canti. Ci sono quattro facciate a forma concava di edifici neoclassici che ospitano le statue dei quattro santi di Palermo, dei quattro re spagnoli di Napoli e Sicilia e delle quattro stagioni.

Chiese di San Cataldo e La Martorana

Fanno parte anche delle costruzioni arabo-normanne di Palermo. Sono molto vicini al monumento precedente, passando per piazza Pretoria (dove vedrai il bellissimo fonte con lo stesso nome) e arrivando a Plaza Bellini. La chiesa di San Cataldo fu edificata nel XII secolo e spiccano le sue tre cupole intonacate di rosso, così come il pavimento a mosaico interno. Da parte sua, quello della Martorana si distingue per la sua pluralità di stili.

Altri monumenti della Palermo arabo-normanna

Tra questi, il cattedrale di cefalù, costruito nel XNUMX ° secolo. Ha una pianta a croce latina con tre navate, presbiterio e abside con pascolo di influenza bizantina. Ma uno dei suoi tratti più caratteristici è l'insieme di sculture che rappresentano i bestiari. I mosaici sono abbondanti anche nel tempio, tra i quali spiccano quelli del transetto.

Dovresti anche visitare il Ponte dell'Ammiraglio, terminato intorno al 1131, e il chiesa di San Juan de los Eremitas, che ricorda quella di San Cataldo per avere anche cupole rosse di influenza araba. Il suo campanile ha invece caratteristiche più gotiche.

Immagine del Duomo di Cefalù

Duomo di Cefalù

Altri palazzi

Oltre all'epoca normanna, puoi vedere altri palazzi altrettanto imponenti a Palermo. A) Sì, l'Abatellis, costruito nel XV secolo, che è un bellissimo esempio di gotico catalano. Attualmente vi si trova la Galleria Regionale della Sicilia. E allo stesso modo il file Palazzo Natoli, stile neoclassico.

Teatro Massimo

Risponde allo stesso stile del palazzo precedente, sebbene sia stato costruito nel XIX secolo. Si tratta di un magnifico edificio che presenta un pronao di colonne rialzato su una grande scalinata. Dietro di lei, un'enorme cupola emisferica domina il tetto dell'edificio. È il più grande teatro lirico d'Italia.

Musei

A Palermo hai tre musei che sono una visita inevitabile. Uno è l'archeologico, che ospita pezzi di ogni genere, ma soprattutto quelli che si trovano nei siti di tutta la Sicilia. Un altro, il Galleria regionale, dove si possono vedere dipinti e sculture di autori come Giorgio Vasari, Jan Provost o Antonello da Messina. E il terzo e più curioso è il Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, con più di quattrocento automi da tutto il mondo.

Cosa fare a Palermo

Curiosamente, pur essendo una città costiera, Palermo non ha una spiaggia. Tuttavia, molto vicino le troverai bellissime. Ad esempio, il file Spiaggia di Mondello y quelli di Cefalù. E anche quelle che si trovano nel Golfo di Carini come Capaci e Isola delle Femmine.

Ma una delle cose migliori che puoi fare nella città siciliana è il suo tour mercati, alcuni storici. In questo senso, il La Vucciria, anche se ultimamente ha perso la sua validità; quella di Ballarò, che è il più grande e dove viene venduto, letteralmente, gridando (il cosiddetto canti abbanniata) o quello di Il Capo, con una straordinaria gamma di colori.

Veduta del palazzo dei Normanni

Palazzo dei Normanni

Un'altra possibilità che il Palermo ti offre è quella di fare un escursione in barca per le sue bellissime coste. E puoi anche visitare la città a bordo di un motocarro tipicamente siciliano. Per rilassarti dopo tante visite, puoi fare una passeggiata attraverso il Orto botanico, i giardini di Villa Nápoli o quelli di Villa Bonnano, già citati.

In termini di ospitalità, ci sono numerosi bar e terrazze vicino al primo mercato menzionato. Tra questi il ​​popolare Taverna Azzurra, che offre bevande tipiche come Sangue siciliano o zibibbo a prezzi convenienti. È molto vicino Au domino, più concentrato sulla vita notturna.

Il tempo: quando è meglio visitare Palermo

La città siciliana ha un clima tipicamente mediterraneo. Pertanto, è morbido e caldo. Gli inverni sono freschi ma relativamente piacevoli. In effetti, il mese più freddo è gennaio e ha una temperatura media di dodici gradi Celsius. Per quanto riguarda le estati, sono calde, soprattutto il mese di agosto, con una media di quasi ventisette gradi. In generale, la temperatura media di fine anno è intorno ai diciotto anni.

D'altra parte, non è un clima eccessivamente piovoso. Le precipitazioni avvengono principalmente in autunno e nel primo mese dell'inverno, con quasi cento millimetri. Al contrario, l'estate è secca, con maggiori probabilità di piogge a settembre. Per tutti questi motivi, quest'ultima stazione è la migliore per visitare Palermo.

Gastronomia palermitana

La ricca storia della Sicilia in generale e di Palermo in particolare ha reso la sua gastronomia presente sia influenze arabe che greche. Aggiungendo a questi la tradizione mediterranea, la città offre una cucina squisita.
Il suo carattere di città costiera rende il pesce fresco essere eccellente a Palermo. Ma anche il file carni sono di buona qualità. E anche meglio verdure, coltivato nei frutteti siciliani. Con una materia prima così buona, i palermitani preparano piatti deliziosi.

Tra i piatti tipici, la pasta è la regina. Questo è comune a tutta l'Italia, ma a Palermo sono orgogliosi di avere il meglio del mondo. È vero che, se viaggi a Milano o Roma, ti diranno la stessa cosa. Ma è vero che è una pasta di qualità molto buona. Ti consigliamo di provarlo con sarde lui, cioè con le sarde, o chiedi pasta alla norma, con formaggio, melanzane e pomodori.

Se lasci il più tipico, il definizione È la classica pizza palermitana. Si caratterizza per avere pane farcito e per avere sopra caciocavallo, pomodoro, cipolla, acciughe ed erbe aromatiche.

Immagine di un piatto di arancini

Arancini

Tuttavia, la città siciliana ha altri piatti squisiti. Per quanto riguarda gli aperitivi, li troverete in quasi tutti i bar Arancini. Sono una specie di crocchette di riso al cui centro si portano i prodotti più svariati come formaggio, piselli e anche il ragù. Sono anche molto popolari pannello, alcune focacce di farina di ceci fritte.

Per fare uno spuntino, hai anche il stigghiola, una specie di spiedo moresco che ha intestino di vacca con cipolla ed erbe aromatiche. Lo troverai ovunque. E il panino con la milza, un panino a base di milza e polmone di manzo, formaggio grattugiato o limone. Tuttavia, questi due piatti non sono per tutti per ovvi motivi.

Altri classici sono alcuni dei antipasti da Palermo. Questa denominazione è equivalente a ciò che chiamiamo antipasti o primi piatti. Molto popolare è il caponata, uno spezzatino che contiene melanzane, cipolla, olive e capperi. E di influenza araba è il couscous con pesce o verdure.

Per quanto riguarda i piatti principali, hai il involtini di pesce spada, alcuni involtini di questo pesce che contengono aglio, prezzemolo e persino pane o pistacchi all'interno. Simile è il file sarde a beccafico, solo con le sarde. E, per quanto riguarda le carni, puoi provare il badduzze, un tipo di polpette. Ma soprattutto, il falseomagro, un involtino di vitello farcito con strisce di pancetta, formaggi vari e un uovo.

Per finire il pasto, un buon dessert. Il gelato, come in quasi tutta Italia. Ma veramente tipici della zona sono i cannoli, torte ripiene di crema; il frutta martorana, una specie di marzapane il cui aspetto esterno ricorda un tipo di frutta; il confine, che sarebbe come la nostra granita, o il Cassata Siciliana, una torta a base di pan di spagna, anche marzapane e ricotta. Se aggiungi un file cappuccino, sembrerai un principe dopo aver mangiato.

Come arrivare a Palermo

La città italiana ha il Aeroporto Internazionale di Palermo-Punta Raisi, a cui arrivano i voli dalla Spagna. È anche conosciuto come Falcone Borsellino, in onore di due giudici uccisi dalla mafia. Sebbene sia a 35 chilometri dalla città, puoi arrivarci metro linea A.

Vista della stazione di Palermo

Stazione Centrale di Palermo

Attraversa l'area urbana da nord-est a sud-est e dispone di 14 stazioni. L'altra linea o B bypassa la città e ha 4 stazioni. Entrambi sono in un progetto di espansione.

Puoi arrivare a Palermo anche via mare. Il Porto civile È il più importante in Italia ed è collegato a tutti i paesi del Mediterraneo. E allo stesso modo, nonostante la Sicilia sia un'isola, attraverso la ferrovia, che percorre il mare a bordo di un traghetto.

Infine, quando si tratta di spostarsi a Palermo, hai una vasta rete di autobuses. Tuttavia, è abbastanza poco puntuale e dovrai armarti di pazienza. Si sconsiglia inoltre un'auto a noleggio, poiché il traffico nella città siciliana è caotico. Pertanto, è meglio visitare il centro storico a piedi. E, per distanze leggermente più lunghe, usa la metropolitana, anche se ha poche fermate.

In conclusione, Palermo è una città meravigliosa e caotica. Ti offre splendidi monumenti, alcuni unici al mondo; una gastronomia meravigliosa e tanta vita nelle sue strade. Vai avanti e visitalo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*