Le montagne delle Ande in Venezuela

Una delle catene montuose più belle ed estese del mondo è il Ande. Attraversa diversi paesi del Sud America e viaggia per un totale di 8500 chilometris di pura bellezza...

Una parte di questa catena montuosa attraversa il Venezuela, si tratta delle cosiddette Ande settentrionali: una fantastica catena montuosa che attraversa anche la Colombia e l'Ecuador. Ma oggi ci concentreremo solo sul Ande del Venezuela.

Le Ande

Questa è la catena montuosa continentale più lunga del mondo e può essere suddiviso in tre settori, il sectors Ande settentrionali, The Ande centralis e il Ande meridionali.

Le Ande settentrionali, quelle che oggi ci chiamano, sono larghe meno di 150 chilometri e hanno un'altezza media di 2500 metri. Le Ande al centro sono le più larghe e le più alte.

Le Ande settentrionali, chiamate anche Ande settentrionali, Si va dalla depressione di Barquisimet - Carora, in Venezuela, all'altopiano di Bombón, in Perù. Città venezuelane come Mérida, Trujillo o Barquisimeto, si trovano su queste importanti montagne.

Dove passano queste montagne, il paesaggio del Venezuela acquisisce caratteristiche più personali. Ci sono terre pianeggianti al livello del mare ma ci sono anche alte vette, ecco perché ci sono così tanti colori e forme del terreno che è meraviglioso.

Le Ande in Venezuela hanno tre caratteristiche principali: il Sierra de La Koulata, Sierra Nevada e Sierra de Santo Domingo. Raggiungono altezze fino a 5 metri. Ad esempio, la vetta più alta del paese è qui, con i suoi 5.007 metri, il Picco Bolivar. Anche se ce ne sono anche altri abbastanza rispettabili come il Humbold con 4-940 metri, il Bompland con 4880 metri o il Leone con i suoi 4.743 metri.

Il clima oscilla tra un clima polare, molto alto, e il clima più caldo ai piedi delle montagne. Piove, come in tutto il Paese, da aprile a novembre. I fiumi si incrociano tra le montagne, che ovviamente non sono navigabili perché brevi e con acque torrenziali. Questo flusso termina in due bacini idrografici: da un lato, quello dei Caraibi, attraverso il lago Maracaibo, e dall'altro, l'Orinoco, attraverso il fiume Apure.

Anche la vegetazione della zona è soggetta al clima, e il clima, lo sappiamo già, ha molto a che fare con l'altitudine. C'è vegetazione tipica dei climi caldi e molto secchi nei primi 400 metri di altitudine, poi compare Grandi alberi, più in alto di 3mila metri i cespugli, più in alto ancora c'è la vegetazione di Paramera e sopra i 4mila metri abbiamo già muschi e licheni.

Le Ande del Venezuela si compongono così l'unica regione del paese con questa gamma di specie vegetali. Nella zona con grandi alberi, tra i 500 e i 2 metri, il paesaggio sembra una foresta pluviale quindi ci sono cedri, allori, bucares, mogano... È bello, perché Questa varietà vegetale si riflette anche nella fauna.

Nella fauna andina venezuelana ci sono orsi, il famoso condor delle Ande (che, pur non abitando qui, è sempre di passaggio), gli elmi ricoperti di pietra, le patelle, i cervi, i toporagni, i conigli, i gatti selvatici, le aquile nere, le capre, le civette, le rondini, i pappagalli reali, i picchi, le anatre, le iguane , serpenti, lucertole e dorado e guabine, tra le specie di pesci.

L'estensione delle Ande del Venezuela rende geopoliticamente attraversano diversi stati del Paeses: Barinas, Apure, Portuguesa, Táchira, Mérida e Trujillo. E come abbiamo detto sopra ci sono diverse città importanti come Mérida, Trujillo, Boconó, San Cristóbal ...

La economia del territorio si concentrava sulla coltivazione del caffè e sull'agricoltura, ma dopo la scoperta di olio le cose sono cambiate. Non è che le coltivazioni abbiano smesso di essere fatte, infatti da qui arriva la produzione di patate, legumi, alberi da frutto, ortaggi, banane e sedano, maiali, pollame e mucche per il mercato locale, ma oggi l'olio è sovrano.

Turismo nelle Ande del Venezuela

Sebbene per molto tempo questa parte del Venezuela sia stata lontana dal turismo, colleghiamo sempre il paese ai Caraibi, da qualche tempo è aperto a questa attività. Il motore è stato il miglioramento delle infrastrutture di comunicazione (migliorata costruzione di strade negli ultimi decenni).

Sebbene l'isolamento a cui erano sottoposti i cosiddetti popoli del sud li tenesse lontani dai soldi che il turismo lascia dietro di sé, in un certo senso li ha aiutati ad essere oggi così preziosi per questo mercato. Ed è quello? l'isolamento li ha preservati in tutta la loro unicità indigena e coloniale.

Coloro che vivono in questa parte del paese sostengono a turismo leggero, a basso impatto, che preserva il loro modo di vivere e l'ambiente. Un turismo nelle mani delle persone stesse o un turismo che potremmo chiamare di comunità.

Possiamo parlare di alcuni Destinazioni consigliate qui nelle Ande del Venezuela. Ad esempio, la città di Merida. È stata fondata nel 1558 e ha un bellissimo elmo coloniale, pur essendo circondato da montagne imponenti. Puoi vedere il Palazzo dell'Arcivescovo, la sede dell'Universidad de los Andes, la Cattedrale o il Palazzo del Governo.

Merida ha belle strade, un'anima studentesca, a mercato comunale tre piani molto frequentata e frequentata, una gelateria con più di 600 gusti di gelato Gelateria Coromoto, con il suo posto nel Guinness dei primati e molti parchi e piazze. Uno dei parchi più famosi è Los Chorros de Milla, con laghi, cascate e uno zoo.

C'è anche il file Funivia di Merida che porta al Pico Espejo a 4765 metri, poco più in basso del Monte Bianco europeo. Il Parco Folcloristico di Los Aleros, il Giardino botanico con la sua simpatica passeggiata sugli alberi... E se ti piacciono le montagne ce l'hai escursioni in Sierra Nevada con le loro magnifiche vette.

Un'altra città popolare è San Cristóbal, capitale dello stato di Táchira, a meno di 1000 metri di altitudine e quindi con un'ottima cima. Risale al 1561 ed è vicino al confine con la Colombia, quindi è super commerciale. Inoltre, ha molte chiese coloniali da visitare.

Trujillo È la capitale del più piccolo stato andino venezuelano. È molto coloniale e bello come l'intero stato. È stata fondata nel 1557 ed è ad un'altitudine di 958 metri. È noto per l'immensa statua della Vergine della Pace, con più di 46 metri di altezza e 1200 tonnellate di peso. Ha buoni punti di vista e la foto da qui è un must. Il centro storico è bellissimo, con una bellissima cattedrale barocca e romantica.

Altre belle destinazioni sono Jajó, Táriba, Peribeca, Capacho ... tutti questi luoghi hanno il loro fascino e il loro settore gastronomico e alberghiero.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*