Tradizioni del Venezuela

Costume tradizionale dal Venezuela

Il Venezuela è un paese ricco in cui si mescolano tre diverse culture come gli spagnoli, gli indigeni e gli africani. E la prova di ciò sono la gran parte dei costumi e delle tradizioni del Venezuela portati dall'estero, soprattutto dalla Spagna e da diversi paesi africani. La cultura indigena ha influenzato molto anche le tradizioni popolari del paese, infatti attualmente una parte importante del paese proviene da i diversi gruppi etnici indigeni ancora esistenti in Venezuela, dove troviamo il file Warao come una delle tribù più rappresentative del paese con gli Yanomami.

Sebbene molte persone considerino gli usi e le tradizioni allo stesso modo, bisogna tenere presente che ognuno ha un'origine diversa. Per consuetudine possiamo considerare le pratiche dei venezuelani che lo sono radicati che li identificano come un popolo. La maggior parte delle tradizioni venezuelane sono di origine europea, africana e ovviamente indigena. Ogni zona ha le sue usanze, la devozione a un santo, le leggende popolari e soprattutto le feste popolari.

Invece le tradizioni venezuelane Cercano di mantenere la cultura ereditata dagli anziani. Di generazione in generazione si trasmettono manifestazioni culturali tradizionali che oggi ci permettono di godere di giochi, pasti, detti, strumenti musicali, danze e una moltitudine di cose che ci uniscono al passato. All'interno delle tradizioni venezuelane possiamo trovare un buon numero di questi rappresentanti dei vari stati che compongono il paese. In questo articolo proveremo a raggruppare quelli più rappresentativi.

architettura

L'architettura tradizionale venezuelana è una combinazione di cultura indigena tradizionale insieme alle diverse culture portate dall'estero, come nel caso di molte altre caratteristiche del paese. I materiali utilizzati e le tecniche utilizzate sono gli stessi utilizzati dagli antenati, ma adattandosi all'ambiente e ai cambiamenti ortografici delle aree in cui vengono installati.

Il legno, insieme alla canna e alla paglia sono i principali materiali utilizzati dalle diverse tribù del paese per costruire le città in cui si stabiliscono e che si trovano in tutto il sud-est del paese. Nelle aree irrigate dai fiumi, le case galleggianti costruite sulla costa dei fiumi sono chiamate palafitte e sono costruiti con gli stessi materiali del passato.

Nelle zone di montagna le case non sono più un semplice tetto dove ripararsi a cdiventare vere case e dove troviamo un patio centrale, un corridoio di collegamento tra le diverse stanze e un disimpegno. Il problema con questo tipo di costruzione in montagna sono i limiti imposti dal terreno in cui si trovano.

Canzoni tradizionali

A seconda delle diverse aree del paese che visitiamo, che si tratti delle Ande, della costa, delle giungle o delle pianure, ea seconda dell'ora del giorno, possiamo scoprire come gli abitanti possono canticchiare canzoni diverse. Le tipiche canzoni tradizionali mostrare le esperienze che quotidianamente accompagnano gli abitanti. Queste canzoni sono state create come una canzone ritmica che accompagna i compiti quotidiani degli uomini e delle donne che si esibiscono quotidianamente sul campo. Queste canzoni derivano dall'epoca coloniale in cui gli schiavi neri venivano usati nei campi e usavano queste canzoni per esprimere i loro dolori, le gioie, le esperienze ...

Chinchorros de Santa Ana

Chinchorros de Santa Ana è una delle tradizioni venezuelane

Un chinchorro è la tipica rete che pende da entrambe le estremità per dormire o riposare per ore, noto anche come amache. È realizzato con filo moriche, molto utilizzato per realizzare vari prodotti tipici dell'artigianato del paese. I primi chicharros furono fabbricati proprio come gli attuali, facendo passare tre fili attorno a due bastoncini conficcati nel terreno per poter tessere le maglie e poterle annodare a mezzo nodo e per renderle della misura desiderata.

Danze tradizionali venezuelane

Il gran numero di danze tradizionali esistenti in Venezuela deriva dall'interazione del patrimonio europeo, in particolare spagnolo, con gli indigeni e, in misura minore, con gli africani. Ogni ballo ha le sue caratteristiche ma tutte conservano ancora l'essenza del meticcio venezuelano, credente e allegro. I balli tradizionali venezuelani più rappresentativi nel paese sono il Sebucán o Palo de Cinta, il Turas e il Maremare.

Il Sebucán o Bastone di nastri di origine europea consiste nel ballare intorno a un albero, soprattutto con i rituali che celebrano l'arrivo della primavera. Las Turas è una tipica danza religiosa magica di origine indigena che si celebra alla fine di settembre a ringraziare la natura per i benefici ricevuti finché il raccolto è stato abbondante. Infine troviamo la danza Maremare in onore del defunto. I testi di questi balli sono improvvisati e la danza consiste nel fare passi avanti e indietro.

Diavoli danzanti

Diavoli danzanti in Venezuela

Ogni anno nella celebrazione del Corpus Domini, dove vengono riaffermate le credenze religiose e magiche del bene sul male, viene eseguita una danza rituale da diavoli danzanti in diverse zone del paese. I diavoli rappresentano Lucifero indossa abiti colorati e una maschera che rappresenta l'intenzione di arrendersi al santissimo sacramento.

I diavoli sono raggruppati in collettivi o società, portano croci, rosari o qualsiasi amuleto religioso e durante la festa pregano, inclusa una messa. Indossano pantaloni rossi, camicia e mantello e anche Indossano campanelli e sonagli appesi ai vestiti. Le maschere sono progettate con colori audaci e sguardi feroci, o almeno è quello che stanno cercando di fare. Il costume da diavolo è composto da vari accessori come la coda, i campanacci, la commissione e la maraca. Essendo una tradizione molto popolare in tutto il paese, possiamo trovare diversi diavoli danzanti distribuiti in tutto il paese, ma i più importanti sono quelli di Yare, Naiguatá e Chuao.

Sepoltura della Sardina, un'altra delle tradizioni del Venezuela

Come in Spagna, la sepoltura delle sardine è la manifestazione popolare che chiude il ciclo dei festeggiamenti del Carnevale e garantisce che verrà celebrata anche l'anno successivo. La festa del carnevale è associata al usanza di addestrare una costata di maiale che si chiama sardina e che simboleggia il divieto di mangiare carne durante i giorni di Quaresima. Un tempo si credeva che questo gesto servisse ad attrarre una buona pesca e fertilità negli animali che avrebbero assicurato cibo per il futuro.

Il corteo della sepoltura delle sardine è guidato dal pubblico ministero che ha il compito di sgombrare le strade attraverso le quali passerà la sepoltura delle sardine, seguito da un chierichetto e da un sacerdote che è seguito da un corteo funebre composto da un carrozza adornata con diverse offerte di fiori. All'interno del galleggiante è rappresentata la figura della sardina.

Festa di San Juan

Festa di San Juan

Si celebra come in Spagna il 24 giugno e celebrare la nascita del santo. Questa celebrazione riunisce un gran numero di credenti e devoti negli stati in cui viene celebrata, poiché non è celebrata allo stesso modo in tutti gli stati del Venezuela. Il 24 giugno di prima mattina, il santo si prepara a lasciare la casa dove si trova alla chiesa accompagnato dai più devoti e così all'arrivo si celebra una messa che inizia a replicare i tamburi che percorrono tutta la città, insieme con il santo che al suo passaggio riceve la gratitudine dei credenti.

Stufe Caracas

La cucina tradizionale venezuelana non è nata al calore di grandi chef, né cuochi di grandi ristoranti, la cucina tipica di Caracas È nato nella casa dei venezuelani, frutto del suo lavoro e della passione per la cucina e per aver cercato di ottenere il massimo dal cibo che ricevevano sia dai campi che dagli animali. Quando le donne iniziarono a prendere in mano la cucina, il cibo di Caracas iniziò con la produzione di dolci e dolci, soprattutto quando i servi erano incaricati di preparare il cibo, per cercare di soddisfare i clienti.

Come altre tradizioni venezuelane, il cibo venezuelano è molto influenzato dagli spagnoli, Africani e in questo caso anche autoctoni. I piatti tipici venezuelani sono le sabbie di mais, il sado nero, la torta di melanzane ...

La Fiera di San Sebastián

La Fiera Internazionale di San Sebastián è una delle tradizioni venezuelane più importanti del paese. Si celebra nella città di San Cristóbal, nello stato di Táchira, nella seconda metà di gennaio. Anche conosciuta come la Fiera della corrida del Venezuela È l'ambiente ideale per gli amanti della corrida del paese per godersi i grandi toreri di tutto il mondo.

Questa fiera attira un gran numero di visitatori stranieri ed è un'esperienza che offre grandi possibilità di intrattenimento nello stato di Táchira come in tutto il paese, poiché oltre a toreri di riconosciuto prestigio internazionale, partecipano alla fiera anche grandi professionisti del paese, che non sono pochi.

Papelones di Tacarigua

Seboruco

Tacarigua è composta da comunità di pescatori e agricole situate sull'isola di Margarita. Per molti anni hanno realizzato la carta da giornale per uso interno e da vendere ad altre comunità. Il papelón proviene dalla canna da zucchero ha una forma conica, misura circa 20 centimetri di altezza e una base da 10 a 15 centimetri. Viene generalmente utilizzato per addolcire cioccolato o caffè, per fare guarapos cuciti o crudi con il limone.

Passione di Cristo

Con l'arrivo della Settimana Santa, come in Spagna, i parrocchiani si recano nelle chiese per fare offerte e atti per ricordare l'atto che il figlio di Dio ha compiuto per tutti gli uomini. Ma in Venezuela esiste anche un file rappresentazione pubblica che mette in scena gli ultimi giorni di Cristo sulla terra. In queste rappresentazioni possiamo vedere la Passione e Morte di Cristo, composta da 15 scene che raccontano la storia di Gesù Cristo.

Ma non solo è rappresentata la passione e la morte di Cristo, ma sono rappresentate anche scene dell'ingresso di Cristo a Gerusalemme, la moltiplicazione dei pani, la Santa Cena, l'orto degli ulivi, la Via Crucis, la Resurrezione, la crocifissione.

Bruciore di Giuda

Il rogo di Giuda è una delle tradizioni del Venezuela che rappresenta il l'insoddisfazione della società per gli eventi politici e il loro comportamento in generale, ma serve anche a terminare la Quaresima preparando la sua risurrezione per il prossimo anno. La ragione di queste ustioni è ricordare il tradimento di Cristo da parte di Giuda, alludendo al tradimento del personaggio del suo popolo. La bambola di Giuda che brucia è fatta di stoffa, vecchi rossi e stracci, pieni di fuochi d'artificio, che vengono accesi quando la bambola viene impiccata e bruciata.

Cappelli da bocciolo

Cappelli da bocciolo

I cappelli da bocciolo sono i La principale fonte di reddito dell'isola Margarita. Nonostante il suo aspetto semplice, la fabbricazione manuale di questi cappelli non è affatto semplice e richiede molta abilità per poterli realizzare. Questo tipo di cappello ha avuto per lungo tempo una grande accettazione nel paese e nelle isole caraibiche, ma negli ultimi anni la produzione si è un po 'ridotta, adattandosi alle esigenze attuali. Oltre a cappelli con le gemme, borse, tappeti, berretti ...

Tabacco e calillas

Tabacco e Calillas dal Venezuela

L'arte di coltivare e produrre tabacco è conservata come una delle tradizioni della famiglia venezuelana, sebbene negli ultimi anni lo stiano facendo altre attività più economicamente la produzione del tabacco passa in secondo piano. La produzione del tabacco si divide in Calilla, per realizzare un sottile sigaro di materiale selezionato. D'altra parte abbiamo il tabacco, che è destinato alla produzione in grandi quantità e su base regolare. In precedenza, il tabacco veniva venduto in tutto il paese, ma a causa della riduzione della riduzione, attualmente viene consumato solo nello Stato e nella comunità di Los Millanes dove si trova la maggior parte della coltivazione di questa pianta.

Tradizioni artigiane venezuelane

Tra i prodotti artigianali tradizionali che vengono fabbricati in Venezuela possiamo trovare elementi decorativi, cibo, bevande, ceramiche, Cesari, liquori, cancelleria, dipinti, tessuti, scarpe, abbigliamento, orafi, ornamenti, oggetti in legno, amache, amache ... Questi Le espressioni artigiane permettono agli abitanti di farlo mostrano il modo di vivere e l'anima dei venezuelani.

Tradizioni natalizie del Venezuela

Essendo un popolo profondamente religioso, con l'arrivo del Natale, una delle tradizioni venezuelane è quella di ogni angolo del Venezuela si prepara per l'arrivo del bambino Gesù. All'inizio di dicembre si comincia a vedere la gioia delle prossime date e si fanno sempre più frequenti incontri, brindisi, festeggiamenti per celebrare l'arrivo del bambino Gesù in ogni angolo del Paese. Ma in aggiunta troviamo anche altre manifestazioni che nei coscones possono prolungare la celebrazione del Natale fino a febbraio, come i bonus natalizi, la mangiatoia, le cornamuse, le messe natalizie natalizie, le sfilate, gli skateboard, i balli dei pastori, la giornata dei Santi Innocenti, l'arrivo dei Magi, l'anno nuovo, l'anno vecchio ...

Speriamo ti siano piaciuti tutti questi Tradizioni venezuelane anche se se volevi di più, qui puoi leggere quali sono i file dogana in Venezuela più tipico.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

17 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1.   HildA DE MIRABAL suddetto

    Amo il mio paese, il Venezuela, è bellissimo, non dobbiamo invidiare nessun paese per niente, perché ha tutto, paesaggi, spiagge, montagne, fiumi, ecc. Amo il mio paese, non lo cambio per niente, amo le sue tradizioni e costumi

    1.    brian pinto suddetto

      Questa è la terra che produce latte e miele! Amen ...

  2.   leanyeli varela guillen suddetto

    Q essiccazione orribile disgusto pura politica molto brutta

  3.   EMMA SANCHEZ GARCIA. suddetto

    ciao da Táchira zone bellissime ci siamo fermati, sono per me la cima del cielo ecco perché è bello, il mio Venezuela, non dobbiamo invidiare nessun paese niente, perché ha tutto, paesaggi, spiagge, montagne, fiumi, eccetera. Amo il mio paese, non lo cambio per niente, amo le sue tradizioni e costumi. Da La Grita.

  4.   luce angelinys fiori prada suddetto

    ciao da Mamporal Il Venezuela è un paese molto grande e molte culture hanno molte cose di cui io e tutti possiamo godere e quelle cose sono fiumi, spiagge, parchi, montagne e molte altre cose Il Venezuela ha la sua bandiera, il suo inno e, naturalmente, già una patria un che in Venezuela non si mangia e si sentono solo rapine pure al telegiornale, a poco a poco il mio paese cambierà, lo so, e non indietro ma avanti e solo per questo non cambierei, nemmeno per oro in Venezuela.

  5.   reicherd suddetto

    Il Venezuela è un paese molto grande e molte culture hanno molte cose che io e tutti possiamo godere e quelle cose sono fiumi, spiagge, parchi, montagne e molte altre cose Il Venezuela ha la sua bandiera, il suo inno e, naturalmente, una patria già in Venezuela Tu non riesco a procurarti cibo e lo senti solo al telegiornale, furto puro, a poco a poco il mio paese cambierà, lo so, e non all'indietro ma in avanti e solo per questo non cambierei il Venezuela, nemmeno per l'oro. per me la cima del cielo ecco perché è bellissima, il mio Venezuela, non dobbiamo invidiare nessun paese per niente, perché ha tutto, paesaggi, spiagge, montagne, fiumi, ecc. Amo il mio paese, non lo cambio per niente, amo le sue tradizioni e costumi. Da La Grita. Amo il mio paese, il Venezuela, è bellissimo, non dobbiamo invidiare nessun paese per niente, perché ha tutto, paesaggi, spiagge, montagne, fiumi, ecc. Amo il mio paese, non lo cambio per niente, amo le sue tradizioni e costumi

  6.   Keudys Garcia suddetto

    Il mio paese è il migliore, ha le migliori usanze e tradizioni

  7.   veronica jaramillo suddetto

    Ciao, sono Verónica Jaramillo e sono Tigres. Adoro questa formazione, spero che tutte le pagine fossero così con un sacco di concetti.

  8.   danni suddetto

    Sono cristiano

  9.   maria suddetto

    Grazie per aver messo questa pagina

  10.   zoraida ramarez suddetto

    Nonostante le circostanze in cui viviamo, il Venezuela è il paese migliore .. Lo adoro e continuerò qui .. i suoi costumi e le sue tradizioni .. Sono andino e non ci sono persone brave e laboriose come i Gochos

  11.   jon mayorca suddetto

    Ciao, sto cercando una ragazza, diciamo 33

  12.   ALEJANDRA suddetto

    QUESTA RETE È MOLTO COOL PER VEDERE UN PO 'DI PIÙ DI VENEZUELA E DELLE SUE TRADIZIONI

  13.   Glorianny suddetto

    Amo il mio paese, è il migliore del mondo e anche se in questo momento non stiamo così bene, so che i venezuelani lasceranno questo paese… io sono con il mio paese…. Siamo un popolo guerriero e lo difenderemo a tutti i costi….

    1.    loco suddetto

      mollusco

  14.   johana gonzalez suddetto

    molto buono ma una raccomandazione non è il papelones de Tacarigua, l'immagine proviene dal villaggio di Quebrada Negra appartenente al comune di Seboruco Stato di Tachira

  15.   yonelkis ugas suddetto

    Ho adorato questo articolo .... è molto buono e ovviamente lo adoro Mi congratulo con te .... # amovenezuela