I borghi più belli della Sierra de Aracena (Huelva)

I borghi più belli della Sierra de Aracena

Considerato come il secondo parco naturale più grande dell'Andalusia appena dietro la Sierra de Cazorla, a Jaén, il Parco Naturale della Sierra de Aracena e Picos de Aroche Si estende su 186.827 ettari nel nord della provincia di Huelva. Un ambiente contemplativo in cui sono agglutinati i seguenti i più bei villaggi della Sierra de Aracena, a Huelva.

L'area occidentale dei famosi Sierra Morena, da cui beve anche la Sierra de Córdoba, è la tela su cui si estende la Sierra de Aracena. Situato tra il Portogallo, Siviglia e Córdoba e attraversato dai fiumi Guadalquivir, Guadiana e Odiel, questo spazio montuoso si è innamorato di quei viaggiatori in cerca di una fuga perfetta attraverso quei luoghi segreti dove si limitano a rinfrescare l'anima nelle sue fontane, vanno di bar in bar alla ricerca del il miglior prosciutto di Jabugo o perdersi nel loro pascoli. Boschi di lecci e querce da sughero che sono il miglior segno di questo luogo fiabesco dove, soprattutto, la presenza del seguendo le più belle città della Sierra de Aracena:

Aracena

Aracena Huelva

Il nome che battezza la catena montuosa diventa la base migliore quando si tratta di avvicinarsi a tutto il fascino della zona. Costituita da 8.048 abitanti, Aracena è circondata da diverse località resti archeologici che confermano la presenza umana nel II millennio aC e nasconde l'accesso al famoso Grotta delle Meraviglie, ideale per perdersi tra gli spettacoli carsici. Queste sono alcune delle attrattive che si possono godere in questo paese dalle case bianche intrappolate tra boschi di castagni dove si può degustare un buon prosciutto, avvicinarsi al suo famoso castello o avvicinarsi al Museo di Arte Moderna che raccoglie le opere dell'architetto Aníbal González, lo stesso architetto della Plaza de España a Siviglia.

Alajar

Alajar

Considerato come uno dei le città più belle dell'Andalusia, Alájar suppone che il file il passo più alto di tutta Aracena da collocare a 837 metri di altezza. Un piccolo paese dalle mura bianche e dai tetti rossastri che ruota attorno alla sua principale attrazione turistica: il Monumento naturale di Peña de Arias Montano, nome dato in onore dell'umanista Benito Arias Montano, alleato di Filippo II che cercò di studiare questa roccia alla ricerca di riferimenti biblici dalla scoperta di un fonte battesimale paleocristiano risalente al VI secolo. Questa scoperta, conosciuta come Bañera de la Reina, non solo ti permetterà di approfondire le storie di quella magica Andalusia, ma anche di goderti alcuni dei migliori viste dell'intera provincia di Huelva. Senza dubbio, uno dei borghi più belli della Sierra de Aracena.

jabugo

jabugo

Quando leggiamo questo nome, la prima cosa che ci viene in mente è quella delizioso prosciutto diventare il miglior esponente della provincia di Huelva e delle tavole gastronomiche spagnole. In effetti, Jabugo deve molto al cibo delizioso che è diventato l'attrazione principale di questo paese imbiancato custodito da lecci e castagni. Dal famoso Plaza del Jamón, oasi del buongustaio iberico, alle gastronomie e ai negozi che vendono le migliori salsicce e controfiletti nell'Andalusia occidentale, Jabugo è una delizia per i sensi.

Almonaster il Reale

Almonaster il Reale

Sebbene nel 1691 Jabugo abbia cessato di appartenere a quest'altra famosa città della Sierra de Aracena, Almonaster la Real continua ad essere un luogo con una propria personalità in cui convivono influenze castigliane e arabe tra mura e chiese. Menzione speciale al suo moschea, costruita su una basilica visigota eretta nel V secolo e attualmente custodia di diverse tombe di incerta origine o di un cortile che rievoca l'esotismo del Maghreb. Se aggiungiamo il loro eremi, ponti, festival come le colorate Cruces de Mayo o la sua vicinanza a veri paradisi naturali dove l'aquila reale, il cervo o il grifone vivono in libertà, Almonaster la Real diventa una proposta molto completa.

Fonte ferita

Fonte ferita

Avvolti nel fascino e nella tranquillità che caratterizzano questo angolo dell'Andalusia, a Fuenteheridos il rumore dell'acqua che esce dalle fontane e dei maiali alla ricerca delle ghiande fanno parte della sua particolare colonna sonora. L'ambiente perfetto da cui iniziare un tour delle sue strade bianche, fermarsi alla ricerca delle migliori tapas o perdersi in alcuni dei suoi beni monumentali come il belvedere del Era de la Carrera o la rinfrescante Fontana delle 12 pipe, nome poetico della sorgente del fiume Múrtigas. Un'oasi di pace perfetta in cui dimenticare il mondo e ricaricare le batterie.

Castagna Robledo

Castagna Robledo

La città più alta della provincia di Huelva Si trova a 740 metri sul livello del mare e ha un sistema urbano dichiarato Complesso storico-artistico. Un design confermato dalle sue case bianche sui cui portici si trovano vasi di fiori e bouganville, le sue famose Chiesa Nuova o Fontana Chorro, icona di quel carattere rinfrescante che circonda tutti i paesi di questa zona. Inoltre, Castaño del Robledo diventa l'epicentro perfetto da cui partire in modo diverso sentieri escursionistici attraverso prati dalle mille sfumature e ruscelli che sussurrano al visitatore.

Linares della Sierra

Linares della Sierra

Quando entriamo in questa città situata ai piedi della Sierra de Vallesilos sembra che il tempo si sia fermato. Le sue chiese risplendono tra muri divorati dal sottobosco e l'acqua delle sue fontane sembra rievocare i suoni di un'altra epoca, quella dei nostri avi o quella di un ambiente lontano da tutto ciò che si conosce. Una certezza che viene confermata quando camminiamo per le sue strade bianche o stiamo per calpestare una delle cosiddette pianura, artigianato in pietra situato all'ingresso delle case. Senza dubbio, una delle città più ipnotiche della Sierra de Aracena.

queste borghi più belli della Sierra de Aracena confermano il fascino di un ambiente dove gastronomia, natura o cultura costituiscono un pezzo di quella magica Andalusia, sconosciuta al grande pubblico.

Ti piacerebbe perderti nel fascino della Sierra de Aracena?


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*