Il mito di Apollo

Immagine | Pixabay

Uno dei miti più importanti del mondo classico era quello di Apollo, che parlava di un dio guerriero che era allo stesso tempo un artista perché era accompagnato dalle muse ed era un grande difensore della poesia e della musica. È uno degli dei più venerati dell'antica Grecia e uno dei più versatili.

Se sei un appassionato di mitologia greca, non puoi perderti il ​​seguente post dove indagheremo sulla figura di Febo (come i romani conoscevano questa divinità), l'importanza del mito di Apollo, le sue origini, la sua carriera e la sua famiglia, tra le altre questioni.

Chi era Apollo?

Secondo la mitologia greca, Apollo era il figlio di Zeus, il dio più potente dell'Olimpo, e di Leto, figlia di un titano che veniva venerata alternativamente come dea della notte e della luce del giorno.

Zeus inizialmente era interessato ad Asteria, che era la sorella di Leto, e cercò di prenderla con la forza. Riuscì comunque a scappare trasformandosi in una quaglia ma mentre questa divinità continuava a molestarla, alla fine si gettò in mare e si trasformò nell'isola di Ortigia.

Non raggiungendo il suo obiettivo, Zeus ha quindi messo gli occhi su Leto che ha ricambiato e da quella relazione rimase incinta di Apollo e del suo gemello Artemide. Tuttavia, la legittima moglie di Zeus, Hera, dopo aver appreso dell'avventura del marito, iniziò una terribile persecuzione contro Leto al punto che cercò l'aiuto di sua figlia Eileithyia, dea delle nascite, per impedire la nascita del titanide.

Immagine | Pixabay

È per questo motivo che, secondo la mitologia, Leto soffrì orribili dolori del parto per nove giorni ma grazie all'intervento di alcune divinità che avevano pietà di Leto, la nascita di Artemide fu consentita e divenne ben presto un'adulta per sua madre. con la consegna di suo fratello Apollo. E così è successo. Tuttavia, Artemide fu così colpita dalla sofferenza di sua madre che decise di rimanere vergine per sempre.

Ma l'incidente non si è fermato qui. Non avendo raggiunto il suo obiettivo, Hera ha nuovamente cercato di sbarazzarsi di Leto e dei suoi figli inviando un pitone per ucciderli. Ancora una volta, gli dei ebbero pietà del destino di Leto e fecero crescere Apollo in soli quattro giorni per uccidere il mostro con mille frecce.

Poiché il serpente era un animale divino, Apollo dovette compiere una penitenza per averlo ucciso e dove cadde il pitone fu eretto l'Oracolo di Delfi. Il figlio di Zeus divenne il patrono di questo luogo, per sussurrare in seguito le previsioni alle orecchie degli indovini o delle pitie.

Ma l'inimicizia di Era e Leto non finì qui, ma il mito di Apollo racconta che sia lui che Artemide dovevano continuare a essere i protettori della loro madre per sempre, poiché Era non smise mai di tormentarla. Ad esempio, secondo la mitologia greca, i gemelli uccisero i 14 figli di Níobe, che prendeva in giro lo sfortunato titano, e il gigante Tizio, che voleva costringerla.

Come è rappresentato Apollo?

Immagine | Pixabay

Era temuto dagli altri dei e solo i suoi genitori potevano contenerlo. È rappresentato come un bel giovane senza barba, la cui testa è adornata da una corona di alloro e nelle cui mani tiene la cetra o la lira che Hermes gli ha dato. a titolo di scusa per aver rubato parte del bestiame di Apollo. Quando iniziò a suonare lo strumento, il figlio di Zeus si stupì di essere un grande estimatore della musica e divennero grandi amici.

Apollo è anche rappresentato in sella al carro d'oro del Sole che quattro magnifici cavalli tiravano per attraversare il cielo. Per questo motivo, è anche considerato il dio della luce, essendo Helios il dio del Sole. Tuttavia, in alcuni periodi storici entrambi gli dei sono identificati in uno, Apollo.

Quali sono i doni del dio Apollo?

  • Apollo è solitamente descritto come il dio delle arti, della musica e della poesia.
  • Anche lo sport, l'arco e le frecce.
  • È il dio della morte improvvisa, delle malattie e delle piaghe, ma anche il dio della guarigione e della protezione contro le forze del male.
  • Apollo si identifica con la luce della verità, della ragione, della perfezione e dell'armonia.
  • È il protettore di pastori e greggi, marinai e arcieri.

Apollo e la chiaroveggenza

Secondo il mito di Apollo, questo dio aveva il potere di trasmettere il dono della chiaroveggenza agli altri e questo era il caso di Cassandra, sua sacerdotessa e figlia di Priamo re di Troia, a cui diede il dono della profezia in cambio di un incontro carnale. Tuttavia, quando ha aderito a questa facoltà, la giovane donna ha rifiutato l'amore del dio e lui, sentendosi abbandonato, l'ha maledetta, facendo sì che nessuno credesse mai alle sue previsioni.

Ecco perché quando Cassandra ha voluto avvertire della caduta di Troia, le sue previsioni non sono state prese sul serio e la città è stata distrutta.

Apollo e gli oracoli

Immagine | Pixabay

Secondo la mitologia classica, Apollo aveva anche doni divinatori, rivelando agli umani i dettami del destino. e il suo oracolo a Delfi (dove uccise il serpente Pitone) era molto importante per tutta la Grecia. L'Oracolo di Delfi si trovava in un centro religioso ai piedi del monte Parnaso ei greci si recarono al tempio del dio Apollo per conoscere il suo futuro dalla bocca della Pizia, una sacerdotessa che comunicava direttamente con questa divinità.

Apollo e la guerra di Troia

Il mito di Apollo racconta che Poseidone, il dio dei mari, lo mandò a costruire le mura intorno alla città di Troia per proteggerla dai nemici. Quando il re di Troia non voleva pagare il favore degli dei, Apollo si vendicò inviando una piaga mortale alla città.

Successivamente, Apollo intervenne nella guerra di Troia nonostante il fatto che in un primo momento Zeus avesse chiesto agli dei la neutralità nel conflitto. Tuttavia, hanno finito per parteciparvi. Ad esempio, Apollo e Afrodite convinsero Ares a combattere dalla parte di Troia poiché due dei figli di Apollo, Ettore e Troilo, facevano parte della parte di Troia.

Inoltre, Apollo aiutò Parigi a uccidere Achille, essendo lui che diresse la freccia del principe di Troia all'unico punto debole dell'eroe greco: il suo tallone. Ha anche salvato Enea dalla morte per mano di Diomede.

La famiglia di Apollo

Apollo aveva molti, molti partner e figli. Essendo un dio della bellezza, aveva amanti sia maschi che femmine.

I suoi amanti maschi erano:

  • Giacinto
  • Cipariso

D'altra parte, ha avuto molte partner femminili con cui ha avuto figli.

  • Con la Musa Talía aveva i Coribantes
  • Con Dríope ad Anfiso
  • Con Creusa ha generato Ion
  • Con Deyone aveva Mileto
  • Con Coronis ad Asclepio
  • Con la ninfa Cirene generò Areisteo
  • Con Ftía ha concepito Doro
  • Con Qione aveva Filamón
  • Con Psámate generò Lino

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*