La dracma, la moneta greca prima dell'euro

Hai sentito parlare della dracma? Certo che sì, soprattutto se hai più di 30 anni e vivi in ​​Europa. Il drachm è stata una valuta utilizzata più volte in Grecia, fino all'arrivo dell'euro, nel 2001. Ha una storia molto lunga e interessante e deve essere una delle valute più antiche del mondo, quindi oggi andremo a conoscere alcuni capitoli di questo viaggio.

la dracma va indietro di migliaia di anni, ma non essere confuso in quanto non è stato utilizzato continuamente. Si Certamente, della prima metà del XIX secolo tre versioni moderne della dracma sono apparsi nel paese, fino a quando la Grecia è diventata membro dell'Unione Europea e ha condiviso la valuta con il resto dei paesi del blocco.

L'antica dracma

Possiamo dividere in due la storia della dracma, la dracma antica e la dracma moderna. Da dove viene il nome? Sembra che il nome stesso della moneta abbia a che fare con ciò che può essere tenuto in mano, drassomai, o almeno così sono alcune iscrizioni su tavolette antiche, del 1100 a.C., che fanno riferimento ad una manciata di sei verghe metalliche (rame, bronzo o ferro), chiamate oblio.

Tempo dopo divenne lo standard d'argento per la maggior parte delle monete coniate dagli antichi greci. In seguito, ogni moneta aveva il proprio nome a seconda che si trovasse ad Atene o a Corinto, per esempio. Sì, ogni città aveva la sua valuta con il proprio simbolo e l'equivalenza tra loro era data dalla quantità e qualità del metallo con cui sono stati realizzati.

Tra le antiche città che usavano la dracma ci sono Alessandria, Corinto, Efeso, Kos, Naxos, Sparta, Siracusa, Troia e Atene, tra molti altri. Ad un certo punto nel V secolo aC la moneta ateniese conosciuta come le quattro dracme era ampiamente conosciuta e utilizzata. Stiamo parlando di prima di Alessandro Magno.

La dracma veniva coniata con pesi diversi, a seconda della zecca che partecipava al processo. Il standardr, tuttavia, che finì per diventare popolare, fu quello di 4.3 grammi, usato più in Attica e ad Atene.

Più tardi, di pari passo con le vittorie e le conquiste di Alessandro Magno, la dracma ha attraversato i confini ed è stato utilizzato in vari regni ellenici. È noto infatti che la moneta araba, la dirham, prende il nome dalla dracma. La stessa è la valuta dell'Armenia, il dramma.

Benché poter conoscere oggi il valore dell'antica dracma sia molto difficile (commercio, merci, economie non sono la stessa cosa), alcuni si azzardano e dicono che Una dracma del V secolo a.C. sarebbe di circa $ 46.50 nel valore del 2015. Oltre a ciò, la verità è che, anche come con le valute attuali, le stesse dracme non erano sempre necessarie per vivere o sostenere una famiglia.

Frazioni e multipli della dracma furono coniati anche in molti stati. Ad esempio, nell'Egitto dei Tolomei c'erano pentadramma y ottadrammi. Quindi, in sintesi, possiamo dire che il peso della vecchia dracma d'argento era di circa 4.3 grammi (sebbene variasse da città-stato a città-stato). Era a sua volta suddiviso in sei oboli da 0.72 grammi, suddivisi a loro volta in quattro monetine da 0.18 grammi e di diametro compreso tra 5 e 7 millimetri.

La dracma moderna

La vecchia dracma, con il suo nome grande e potente, fu reintrodotto nella vita greca nella prima metà del XIX secolo, nel 1832, poco dopo la fondazione dello Stato. Era diviso in 100 lepta, alcuni di rame e altri d'argento, e c'era una moneta d'oro da 20 dracme con 5.8 grammi di questo metallo prezioso.

Nel 1868 la Grecia aderisce all'Unione Monetaria Latina, sistema che unificava più valute europee in una, utilizzato dai paesi membri, e che rimase in vigore fino al 1927. Da quando è entrato a far parte del gruppo la dracma divenne equivalente in peso e valore al franco francese.

Ma questa Unione Monetaria Latina è crollata nella prima guerra e dopo quello scontro, nel Nuova Repubblica Helena, furono coniate altre nuove monete. E che fine hanno fatto i biglietti? Banconote emesse dalla Banca nazionale greca circolata tra il 1841 e il 1928 e poi la Banca di Grecia ha continuato a farlo dal 1928 al 2001 momento in cui l'euro entra in scena.

Ma cosa c'era nel XIX secolo prima della dracma? Una moneta chiamata Fenice, che fu introdotto poco dopo che il paese ottenne l'indipendenza dall'Impero Ottomano. È nel 1832 che la fenice viene sostituita dalla dracma adornata con l'effigie del re Oto di Grecia, il primo re greco moderno.

Come spesso accade quando c'è inflazione e la Grecia ha avuto una storia economica abbastanza movimentata, Per tutto il XX secolo sono apparse banconote con tagli sempre più grandiS. Soprattutto in tempi di occupazione nazista nella seconda guerra mondiale.

Ma proseguendo con la storia di questa famosa moneta, possiamo parlare di una seconda dracma moderna che compare proprio dopo la caduta dei nazisti. Una volta liberata la Grecia, l'inflazione dilaga e viene coniata solo carta moneta, in numero crescente.

Negli anni '50 siamo entrati in un terzo periodo della moderna dracma modern, c'è stata una svalutazione e una valutazione della moneta e le banconote di taglio inferiore sono uscite dalla circolazione. Il tasso di cambio è rimasto al tasso di 30 dracme per dollaro fino al 1973. Se abbiamo memoria, è più o meno intorno a quel momento che si verifica la crisi petrolifera e la situazione finanziaria inizia a cambiare, non solo in Grecia ma in tutto il mondo.

A poco a poco, servivano sempre più dracme per comprare un dollaro e così arriviamo a 2001, quando la Grecia entra nell'Unione Europea e la dracma smette di circolare, soppiantata dall'euro.

La storia continua, il mondo continua ad affrontare crisi, sindacati e disunione, regna il dollaro, l'euro compete, lo yuan brilla sempre di più, quindi nessuno può assicurare che un giorno l'Unione Europea non si dissolverà e la dracma farà il suo ritorno apparizione in Grecia. Cosa ne pensi?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*