Il corpo perfetto, Beauty in Classical Greece

La bellezza è culturale, ciò che è bello oggi non era bello prima, ciò che sarà bello tra un secolo può essere molto diverso da ciò che consideriamo così oggi. Ma è vero che oggi i modelli generali di bellezza sono in qualche modo governati da ciò che gli antichi greci consideravano degno di bellezza. Sì, il corpo perfetto e la bellezza sono nati è nato nella Grecia classica.

Oggi parleremo, quindi, della fonte della bellezza nel nostro mondo: la Grecia classica. Là, secoli fa, sono nati i nostri standard più duraturi di corpo e bellezza perfetti.

Grecia classica

Questo è il nome del periodo della storia della Grecia che, in senso lato, si trova tra il V e il VI secolo a.C. a partire dal C. È il periodo di massimo splendore della polis greca e dello splendore culturale. Questo splendore è particolarmente evidente nella scultura, che da allora in poi pose le basi per quest'arte.

I greci guardavano il corpo e questo, se era bello, rifletteva un bellissimo interno. La parola per entrambe le qualità, come le due facce della stessa medaglia, era kaloskagathos: bello dentro e bello fuori. Soprattutto se era un giovane.

Questa linea di pensiero era espressa nella scultura, l'idea che un bel giovane fosse stato benedetto tre volte, per la sua bellezza, per la sua intelligenza e per essere amato dagli dei. Per molto tempo si è pensato che le sculture di questo periodo rappresentassero quell'idea, una fantasia, un desiderio, ma la verità è che sono stati trovati degli stampi, quindi oggi si sa che Quelle bellissime sculture realizzate tra il V e il III secolo a.C. erano basate su persone reali.

Un uomo è stato ricoperto di gesso e lo stampo è stato successivamente utilizzato per modellare la scultura. Greci, parliamo gli uomini hanno trascorso molto tempo in palestra (Se fossero ricchi e avessero tempo libero, ovviamente). Un cittadino medio ateniese o spartano aveva un corpo scolpito come un modello Versace: vita stretta, schiena, pene piccolo e pelle grassa ...

Questo rispetto agli uomini, ma quale ideale greco di bellezza era quello delle donne? Bene, molto diverso. Se la bellezza in un uomo era una benedizione, in una donna era una cosa negativa. Una bella donna era sinonimo di guai. Kalon Kakon, la cosa bella e cattiva, potrebbe essere tradotta. La donna era bella perché era bella ed era bella perché era bella. Quella linea di pensiero.

E sembra anche quello la bellezza implicava la concorrenza: c'erano concorsi di bellezza chiamati callisteia, in cui si sono svolti eventi nelle isole di Lesbo e Tenedo dove le ragazze sono state giudicate. Ad esempio, c'era una gara in onore di Afrodite Kallipugos e delle sue belle natiche. C'è una storia che circonda la ricerca di un sito per costruirle un tempio in Sicilia che alla fine è stata decisa tra le natiche di due figlie di contadini: il vincitore ha scelto il sito per costruire il tempio, semplicemente perché aveva un culo migliore.

Bellezza perfetta

Cosa è considerato bello nella Grecia classica? Secondo i murales e le sculture, si può fare un breve elenco di ciò che gli antichi greci consideravano un bel corpo: le guance dovrebbero essere rosa (artificiale o naturale), i capelli dovevano essere rasati o ordinatamente disposti in rotoli, la pelle dovrebbe essere chiara y gli occhi devono avere l'eyeliner.

Il corpo perfetto di una donna dovrebbe essere di fianchi larghi e braccia bianche, per cui molte volte sono state volutamente sbiancate con polvere. Se la donna era una rossa, congratulazioni. Può essere che nel Medioevo le teste rosse fossero i perdenti, a causa della stregoneria e di quelle strane cose, ma nella Grecia classica erano adorate. Le bionde? Neanche loro si sono divertiti. In breve, la dea Afrodite o Elena di Troia erano sinonimo dell'ideale di bellezza.

L'idea dei fianchi larghi e della pelle bianca è stata infatti mantenuta per molti secoli: un corpo robusto è sinonimo di una buona alimentazione e quindi, una vita di benessere. La pelle bianca è sinonimo, a sua volta, di non essere uno schiavo o di lavorare all'aperto ma al chiuso.

Ma allora, come oggi, essere belli e avere il corpo perfetto comportava un sacrificio. Pochi nascono toccati dalla bacchetta magica. Il desiderio di mantenere la pelle bianca, o sbiancarla, ha portato le donne a ricorrere a metodi che potrebbero influire sulla loro salute.

Uno dei primi commenti sui cosmetici nell'antichità è proprio di quel periodo. Il filosofo greco Teofastus de Eresos lo fa quando descrive come hanno fatto a cera o crema a base di piombo. Ovviamente, il piombo era ed è tossico.

L'uso di Maquillaje Era diffuso nella classe alta poiché tutto serviva a sfruttare la bellezza, ma c'erano diversi stili. Le prostitute avevano la loro e le donne di buona famiglia, un'altra. Bastava vedere come era truccata la donna per distinguerla, poiché la prima usava gli occhi più caricati e le labbra lucenti, i capelli tinti e gli abiti più arditi. Come di solito.

Quali erano i file acconciature nella Grecia classica? I più antichi esempi di acconciatura nelle donne greche li mostrano con trecce, tanti e piccoli. Se guardiamo le pentole, ad esempio, puoi vedere questo stile, ma ovviamente con il passare del tempo la moda è cambiata.

Sembra che intorno al V secolo invece di portare i capelli sciolti iniziarono a portarli legati, di solito in a girante. Hanno anche usato ornamenti e decorazioni vari come gioielli o qualcosa per mostrare la ricchezza della famiglia. Era la capelli corti? Sì, ma era sinonimo di dolore o basso status sociale.

Certo, sembra che i capelli chiari erano più preziosi di quelli scuri, quindi era usuale usare aceto o succo di limone per schiarirlo in combinazione con il sole. E se volevano i ricci, li facevano e li inzuppavano di cera d'api per far durare più a lungo l'acconciatura. E per quanto riguarda il file peluria? Le donne greche erano pelose come lo sono sempre state le donne fino al XX secolo?

La depilazione era comune e infatti, non solo tra i greci ma anche in altre culture. A quel tempo, nella Grecia classica, non avere i capelli era di moda, sebbene ci siano diverse teorie su come ottennero la depilazione. Si dice che i capelli pubblici siano stati bruciati con una fiamma o rasati con un rasoio.

Quindi se una donna ha viaggiato nel tempo oggi, Quali prodotti non potevano mancare nella tua toeletta? L'olio d'olivaa per pelli secche e se infuso con erbe aromatiche in quanto profumava il corpo o i capelli; miele in cosmetica, cera d'api combinata con acqua di rose e una serie di profumi che erano realizzati con oli essenziali infondendo oli e fiori molto profumati, carbone per gli occhi, le ciglia e le sopracciglia e altri minerali che, una volta macinati, fungevano da ombre e rossori.

Un fatto: il sopracciglio singolo Ciò è stato ottenuto dipingendo la linea con il carbone o, se non bastasse, hanno incollato i peli di animali con resina vegetale.

Il corpo perfetto

È vero che Nella Grecia classica, gli artisti hanno ridefinito la nozione di bellezza corporea negli uomini e nelle donne inventando l'idea di "Corpo ideale." Il corpo umano era, per loro, un oggetto di godimento sensoriale ed espressione dell'intelligenza mentale.

I Greci capirono che la perfezione non esiste in natura, è prevista dall'art. Quindi c'è l'idea che un corpo scolpito è puro design. Sopra abbiamo detto che gli scultori greci usavano modelli reali, è vero, ma a volte non era un modello singolo, ma diversi. Ad esempio, le braccia di uno, la testa di un altro. Quindi, un bel complimento a quei tempi era dire a un giovane che sembrava una scultura.

Se Afrodite fosse l'ideale della bellezza femminile, Eracle era l'ideale del corpo maschile perfetto. Atleta, super uomo, rappresentazione del sesso e del desiderio. Come oggi con i tatuaggi, il body art e sollevamento pesi, poi guardavo anche il corpo degli altri e il mio.

L'arte greca era più focalizzata sulla forma maschile rispetto al femminile ed è curioso vedere come, nel tempo, l'arte abbia seguito un percorso inverso, concentrandosi molto più sulle donne che sugli uomini. Pensiamo al Medioevo, al Rinascimento o alle forme barocche.

Riflettendoci, il dibattito sul corpo e sulla bellezza è sempre stato sotto i riflettori. Dall'antichità ad oggi, da Nefertiti e Afrodite, alle donne di Rubens, Marilyn Monroe, le top model degli anni '90 e le celebrità del XNUMX ° secolo con i ritocchi plastici, continuiamo a considerare un ideale del corpo umano che è più per gli altri che per noi stessi.

Quindi, ora lo sai, la prossima volta che visiti un museo e ti imbatti in sculture classiche, guarda da vicino quei corpi e quelli delle persone che si muovono intorno a te. La domanda è: quando accetteremo questa o quella natura che ci ha creati?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*