I giochi pitici, la storia e lo sport a Delfi

Delfi Grecia

Quattro erano i grandi Giochi panellenici dell'antichità: i famosi Giochi Olimpici, i Giochi di Nemea ad Argo, i Giochi Istmici di Corinto e i Giochi pitici che ha avuto luogo nel Santuario di Apollo a Delfi. Discuteremo di quest'ultimo nel nostro post oggi.

La città di Delfi si trova nella regione greca del Focide, a circa 150 chilometri a ovest di Atene. Quasi tremila anni fa, dove c'era solo un luogo solitario e selvaggio, vi fu costruito un santuario in onore del dio Apollo che ospitava anche uno degli oracoli più conosciuti dell'antica Grecia.

Ha chiamato un gruppo di sacerdotesse pitie Erano incaricati di mantenere l'oracolo e di rivelare ai visitatori i disegni degli dei (da loro deriva la parola "indovino"). Le pitie furono chiamate in memoria del mostro Chiodo, un serpente gigante che abitava il luogo che il dio avrebbe ucciso.

La popolarità di questo oracolo raggiunse il suo apice a partire dall'VIII secolo a.C. Viaggiatori provenienti da tutta l'Ella accorrevano lì per offrire le loro offerte votive ad Apollo e ascoltare le rivelazioni divine. Come risultato di questo flusso continuo di visitatori, furono eretti templi, monumenti e molte altre strutture.

Delfi Grecia

Rovine del Tempio di Apollo a Delfi

Inoltre, a Delfi c'era un luogo simbolico noto come Omphalos, Il centro del mondo " che Zeus aveva indicato con una grande pietra conica.

Celebrazione dei giochi pitici

Nel 590 a.C. si tenevano per la prima volta i Giochi Pitici, che avrebbero avuto un periodicità di otto anni (A differenza delle Olimpiadi, che si tenevano ogni quattro). Coloro che erano incaricati di organizzarli erano sacerdoti chiamati anfibi, da diverse città greche.

La leggenda vuole che i giochi siano stati istituiti dallo stesso Apollo subito dopo aver ucciso Python. Il mito racconta come il dio prese possesso di Delfi con una corona di alloro in testa. Per questo motivo, i vincitori dei Giochi Pythian sono stati premiati con una corona d'alloro, un lago che è stato successivamente imitato in altre celebrazioni e gare cerimoniali.

La sacra tregua

Come nel caso dei Giochi Olimpici, nei mesi precedenti l'inizio dei Giochi Pitici diversi araldi chiamato teorie hanno girato la Grecia per annunciare la data del suo inizio.

L'obiettivo di questi messaggeri è che questa chiamata raggiunga ovunque. La città che ha accettato di partecipare ai giochi dovrebbe immediatamente cessare qualsiasi attività bellica e sottomettersi alla chiamata "Sacra tregua." Le città che si rifiutavano di farlo furono escluse, il che rappresentò una significativa perdita di prestigio.

Cerimonie

I primi giorni dei Giochi Pythian erano destinati al cerimonie sacre in onore di Apollo. C'erano grandi sacrifici (ecatombe), processioni y Banchetto.

Delfi Grecia

Teatro Delphi

C'è stata anche una rappresentazione teatrale in cui è stata ricordata l'epica lotta del dio contro il terribile serpente Python. Ad ospitare questo spettacolo il famoso Teatro Delphi, One teatri greci meglio conservato.

Concorsi poetici e musicali

Dopo le cerimonie di apertura, i Pythic Games sono iniziati con una serie di concorsi musicali in cui i partecipanti hanno dimostrato la loro abilità suonando strumenti come la cetra. Con il tempo si sono aggiunti concorsi di teatro, coro e danza. Nel tardo periodo c'erano anche concorsi di poesia.

Competizioni sportive

Dopo le giornate dedicate all'arte, sono iniziate le gare sportive. La prova più evidente è stata la gara allo stadio (circa 178 metri), di doppio stadio, la lunga corsa di 24 stadi e il corsa agli armamenti, in cui i corridori gareggiavano armati della panoplia hoplitica; si tennero anche concorsi salto in lungo, lancio del disco e giavellotto, così come vari test di wrestling come quello del pankration. C'erano tre categorie in base all'età dei concorrenti.

Gli ultimi giorni dei Giochi Pythian erano riservati gare equestri. C'erano due categorie: corse delle bighe con due cavalli (travi) e quattro cavalli (carri). Queste competizioni si sono svolte in eha ippodromo nella vicina città di Cirra, a pochi chilometri da Delfi. Tuttavia, nel santuario la famosa statua del Auriga di Delfi, oggi conservato nel museo archeologico della città. Questa scultura in bronzo rappresentata Polizia di Gela, un tiranno della Sicilia greca che si è proclamato vincitore dei giochi in numerose occasioni.

Fine dei giochi pitici

La popolarità dei Giochi Pitici continuò anche dopo la conquista romana della Grecia, sebbene iniziarono un lento periodo di declino. L'oracolo continuò a ricevere visitatori e si continuarono i giochi, ma la sua popolarità e il suo prestigio diminuirono gradualmente.

Le ricchezze depositate nei templi di Delfi furono saccheggiate nel III secolo d.C. dai Goti e dagli Eruli. Infine, i giochi cessarono di essere celebrati nel secolo successivo.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*