Toelettatura e cura del corpo nell'antica Grecia

Immagine | Pixabay

Secondo i precetti dell'antica filosofia classica, in Grecia la morale andava di pari passo con la bellezza e la cura del corpo. Al tempo, sinonimo di buon cittadino era avere un corpo ben curato e ben addestrato. Gli uomini si sono allenati per ore nelle palestre per raggiungere l'antico ideale di bellezza basato sull'armonia e sui corpi atletici.

I greci, oltre a mantenere il loro corpo in buone condizioni fisiche attraverso un intenso programma di esercizi, anche si preoccupavano molto dell'igiene personale. Dopo aver praticato la ginnastica, hanno seguito un rituale di pulizia della pelle al punto da trasformare il culto della bellezza in uno dei pilastri della loro cultura, che ha avuto ripercussioni su altre civiltà.

In questo articolo abbiamo rivisto in cosa consisteva la cura del corpo e la cura del corpo nell'antica Grecia. Vuoi sapere di più? Continua a leggere!

La toilette nell'antica Grecia

Immagine | Pixabay

Possiamo apprezzare nei dipinti delle anfore che sono sopravvissuti fino ad oggi che gli antichi greci tenevano molto ad avere un corpo proporzionato e sano, quindi hanno subito programmi di esercizi impegnativi per ottenere un corpo armonioso e bello.

Nelle anfore gli atleti non erano solo rappresentati praticando sport ma anche eseguendo il rito della pulizia e della cura del successivo corpo. Ed erano dipinti con i loro accessori di bellezza, per esempio i piccoli contenitori con oli aromatici che venivano appesi alle pareti o legati ai polsi degli atleti.

Cenere, sabbia, pietra pomice e oli di rosa, mandorla, maggiorana, lavanda e cannella sono stati usati per pulire la pelle dopo l'esercizio. come lozioni detergenti, colonie e deodoranti. Un altro accessorio che usavano era una lunga bacchetta piatta di metallo a forma di cucchiaio per rimuovere la polvere e l'olio in eccesso dalla pelle.

Nel museo archeologico della Grecia si possono vedere alcuni campioni delle giare che venivano usate per conservare queste essenze e prodotti per la pulizia. Erano contenitori di argilla o alabastro che un tempo erano decorati e avevano varie forme.

Bagni pubblici nell'antica Grecia

È noto che i bagni pubblici esistevano ad Atene dal V secolo a.C, luoghi in cui gli uomini si recavano dopo l'esercizio non solo per lavarsi ma anche per chiacchierare con altri utenti, poiché ritenuti luoghi di ritrovo molto frequentati.

I bagni pubblici dell'antica Grecia erano enormi spazi che contenevano centinaia di persone ed erano divisi in diverse aree. Per prima cosa hai effettuato l'accesso al frigidarium (stanza con acqua fredda per fare il bagno e togliere il sudore), poi è stata la volta del tepidarium (stanza con acqua calda) e infine andarono al to caldarium (camera con sauna).

I medici dell'epoca consigliavano di fare bagni di acqua fredda perché ringiovanivano il corpo e l'anima mentre i bagni caldi servivano a rendere la pelle liscia e aggraziata.

Una volta terminato il rituale del bagno, i servitori rimuovevano le impurità dalla loro pelle e le inceravano. Poi sono intervenuti i massaggiatori, che hanno spalmato oli profumati sui loro corpi per rilassare i muscoli.

Donne nei bagni pubblici di Atene

Immagine | Pixabay

Nei bagni pubblici dell'antica Grecia c'erano luoghi allestiti esclusivamente per le donne, sebbene fossero frequentati da umili ateniesi mentre le donne dell'alta borghesia si lavavano nelle loro case. Per fare il bagno usavano vasche da bagno in terracotta o in pietra che venivano riempite d'acqua a mano.

L'ideale della bellezza femminile nell'antica Grecia

La parola cosmetico deriva dal greco e significa "ciò che si usa per l'igiene e la bellezza del corpo" riferendosi soprattutto al viso.

Il simbolo della bellezza per le donne greche era la bellezza senza pretese. La pelle bianca era considerata un riflesso di purezza e passione, nonché una vita agiata poiché una pelle abbronzata veniva identificata con le classi inferiori e gli schiavi, che trascorrevano lunghe ore al sole lavorando.

Per mantenere una pelle pallida, usavano prodotti come gesso, piombo o arsenico. Si mettevano sulle guance un fard a base di frutti di bosco, anche se era un trucco molto leggero poiché prevaleva la bellezza naturale, a differenza delle donne di compagnia che usavano colori più intensi.

La cura dei capelli nell'antichità

Immagine | Pixabay

Per quanto riguarda i capelli, sia gli uomini che le donne si ungevano i capelli con oli e li arricciavano perché questo stile era considerato il massimo esponente della bellezza in quel momento. I greci amavano il movimento espresso da onde e riccioli. Gli schiavi avevano il compito di mantenere i capelli dei loro padroni in perfette condizioni. In effetti, alcune delle acconciature indossate dagli antichi greci possono essere viste nelle statue che sono sopravvissute fino ad oggi.

Le donne delle classi alte si differenziavano dalle schiave per i capelli perché portavano acconciature sofisticate e raccoglievano i lunghi capelli in fiocchi o trecce che venivano decorati con fiocchi e cordini. Solo in tempo di lutto lo tagliavano un po'. Da parte loro, le donne di classe inferiore portavano i capelli corti.

Ai bambini veniva permesso di crescere i capelli fino all'adolescenza, quando venivano tagliati per offrirli agli dei. Gli uomini andavano di tanto in tanto dal barbiere e non cominciarono a radersi barba e baffi fino a dopo Alessandro Magno. Un'altra delle innovazioni che arrivò con il re di Macedonia a seguito delle sue conquiste in Oriente fu la tintura per capelli.

Nell'antica Grecia il colore biondo simboleggiava la bellezza nella sua pienezza. Per assomigliare ad Achille e ad altri eroi della mitologia greca, gli uomini avevano ideato metodi per schiarire i capelli usando prodotti come aceto, succo di limone e zafferano.

Depilazione nel mondo classico

Per rimuovere i peli del corpo, le donne usavano rasoi e cerate con paste speciali o con la candela.. Gli antichi greci consideravano molto importante rimuovere completamente i peli del corpo poiché un corpo depilato era un simbolo di innocenza, giovinezza e bellezza.

La ceretta è stata completata da un massaggio con oli e profumi per lenire la pelle. Questo rituale veniva eseguito dai kosmeté nelle palestre, che erano in qualche modo i precursori dei saloni di bellezza.

Il rituale della toelettatura in altre culture

Immagine | Pixabay

Conquistando Bisanzio, Egitto e Siria, i musulmani ereditarono il loro amore per i bagni dai romani e dai cristiani bizantini.

Anticamente, nella cultura islamica si pensava che il calore dell'hammam aumentasse la fertilità e, quindi, la riproduzione dei credenti. Così gli Arabi smisero di utilizzare l'acqua del frigidarium (cella frigorifera) per fare il bagno e utilizzarono solo il tepidarium e il caldarium.

Così nei paesi arabi, gli hammam erano anche un importante luogo di ritrovo sociale e si fermò alle porte delle moschee. Il suo passaggio attraverso di loro supponeva una preparazione e una purificazione per accedere al tempio.

Fortunatamente, Questo rituale di toelettatura nato nell'antica Grecia e preservato dai paesi islamici è sopravvissuto fino ad oggi. In molte città sono presenti i bagni arabi dove è possibile vivere questa antica tradizione sulla propria pelle. È un programma fantastico per trascorrere un pomeriggio di fine settimana, riposando e rilassando il corpo e la mente.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1.   sol suddetto

    Ciao, come stai? Mi sembra molto bello che tu ne parli

  2.   gshcgzc suddetto

    leblou