Storia del baseball cubano

El baseball cubano come sport ha la sua origine nel gioco del Batos che giocavano gli aborigeni cubani, in particolare il Taínos. I cronisti spagnoli che hanno viaggiato sull'isola alla conquista di diverse spedizioni e colonizzazioni hanno fornito prove di questa attività.

Quel gioco si faceva nel batey ed era un modo primitivo di giocare a palla per colpirlo che era fatto di resina e foglie a forma di un pezzo di ramo di un albero tagliato a forma di pala.

Tra gli altri fatti correlati, secondo i linguisti, c'è una relazione nell'origine delle parole bate (pipistrello) e batear (hit) con le parole corrispondenti batey e batos usate dai Taínos.

Non ci sono informazioni sulla storia del baseball fino al 1845, quando Alexander J. Cartwright fondò la squadra. Knickerbocker, la squadra che è andata a New York e nel mondo per la prima volta e da quel momento in poi la pratica di questo nuovo sport ha iniziato a diffondersi nelle terre dei Caraibi.

Si dice che i Marines statunitensi siano stati i suoi principali promotori e Cuba è stato il primo paese ad accogliere questa attività. Si dice che nel 1871 diverse famiglie benestanti mandassero i loro figli a studiare nelle scuole e nelle università degli Stati Uniti. Nemesio Guillo (fondatore della palla cubana) e José Dolores Amieva ei suoi due fratelli facevano parte di questa ondata che ha introdotto la tecnica e ha contribuito a promuovere lo sport che avevano conosciuto negli Stati Uniti.

Hanno creato una squadra a Matanzas e hanno iniziato a giocare nei lotti vacanti. Lo storico stadio Palmar del Junco a Pueblo Nuevo è stato costruito in precedenza ed era considerato il primo del suo genere sull'isola, dove nel 1874 si svolse la prima partita ufficiale di baseball cubana.

Fino a quando nel 1877 si tenne la prima partita internazionale con una squadra americana, a Palmar de Junco, questa squadra arrivò a Matanzas a bordo di una nave scuola americana. Un anno dopo, nel 1878, tra i cubani nasce la passione per il baseball. La Cuban Professional Baseball League è stata creata.

Gli stadi sono stati costruiti ovunque a L'Avana, dove dozzine di fan andavano a vedere le partite di baseball in luoghi come Canteras de Medina, Melitón, Hacendados, Placer de Peñalver e Quinta de Torrecillas a Puentes Grandes.
Il baseball professionistico è stato praticato a Cuba fino al 1961.


Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1.   Ricky suddetto

    La tesi dell'origine del baseball a Cuba e nelle Antille secondo la tradizione aborigena del gioco Batos è ASSOLUTAMENTE insostenibile dal punto di vista storico, archeologico e antropologico. Batos è un gioco a due facce, in cui la palla viene passata da una parte all'altra, quindi è simile ad altri giochi in Centro America. È più simile alla pallavolo o al tennis, non ha nulla a che fare con lo sport americano chiamato baseball. Le tesi di questa presunta e incoerente origine aborigena hanno la loro genesi nel nazionalismo, come risposta alla penetrazione imperialista nell'area, ma gli obiettivi politici non sono sull'evidenza scientifica.