I più importanti faraoni dell'antico Egitto

Abu Simbel

Tempio di Ramses II ad Abu Simbel

I faraoni più importanti dell'antico Egitto sono in gran parte responsabili della popolarità che la civiltà ha ancora oggi in tutto il pianeta. A loro dobbiamo grandi opere monumentali che attualmente conserviamo e anche che il tuo mondo conserva intatto tutto il suo aura di mistero e magia.

Ed è che nemmeno i migliori studiosi dell'antico Egitto sono stati in grado di spiegare come la civiltà del Nilo potesse costruire le sue magnifiche opere di architettura e ingegneria sotto i regni di quei monarchi quando molte altre culture avevano appena lasciato il Neolitico. Se vuoi conoscere un po 'meglio questi straordinari personaggi, ti invitiamo a seguirci in un tour dei più importanti faraoni del mondo. Antico Egitto.

I più importanti faraoni dell'antico Egitto, da Djoser a Cleopatra

I faraoni hanno diretto i destini dell'antico Egitto per un lungo periodo di tremila anni che include varie dinastie. Erano personaggi quasi divini o, almeno, considerati discendenti di divinità come Horus o Ra. Tuttavia, è stato alla morte che si è fuso con Osiride, hanno raggiunto la vera categoria divina. Ma, senza ulteriori indugi, incontriamo i più importanti di loro.

Zoser, autore della prima piramide conservata

Questo faraone, noto anche come Necherjet e che ha governato tra il 2665 e il 2645 aC, non è famoso come i successivi. Ma se ne parliamo Imhotep, forse ti posizionerai meglio. Commissionato dal primo, il secondo ha costruito il piramide a gradoni di Saqqara, a sud di Memphis, la capitale del suo impero.

Chiamata anche la piramide a gradini di Djoser per la sua forma, servì da modello per i successivi complessi di Giza e per tutte le altre piramidi successive. E Imhotep è considerato il primo grande architetto della storia.

La Piramide di Saqqara

Piramide a gradoni di Saqqara

Cheope, il primo tra i più importanti faraoni dell'antico Egitto

Proprio il faraone che aveva il Grande Piramide di Giza è un po 'più tardi e già veramente importante. Chiamato anche Jufu, governò i destini dell'Egitto tra gli anni 2589 e 2566 prima di Gesù Cristo. Storicamente, ha avuto una reputazione di tiranno, a cui i greci hanno contribuito notevolmente Erodoto, uno storico non molto rigoroso.

In ogni caso, lasciarci in eredità la Grande Piramide di Giza compensa altre cose. Non per niente, è l'unico Sette meraviglie del mondo antica che abbiamo oggi e anche la più grande piramide di quante furono costruite nell'antico Egitto.

Si ritiene che il genio responsabile della sua coltivazione sia stato l'architetto Hemiunu, che a quel tempo era anche il casetta o primo magistrato dopo lo stesso faraone. E la grandiosità del suo lavoro vi darà un'idea del fatto che era l'edificio più alto del pianeta fino al XIV secolo dopo Cristo, quando fu superato dalla capitale della Cattedrale di Lincoln, in Gran Bretagna.

Nel Museo Egizio del Cairo puoi vedere una rappresentazione di Cheope. È una piccola statua d'avorio trovata dall'archeologo inglese Flinders Petrie nel Abydos, chiamata la Città Sacra di Osiride.

Khafre, un degno successore

Figlio di Cheope, non si può dire che questo faraone abbia messo suo padre in una brutta situazione. Perché non solo aveva costruito la sua piramide, ma anche il ben noto Grande sfinge, uno dei grandi simboli dell'antico Egitto.

Khafre governò tra gli anni 2547 e 2521 e, se non altro per il valore monumentale di ciò che ci ha lasciato in eredità, deve annoverarsi tra i più importanti faraoni dell'antico Egitto. Inoltre, abbiamo anche una sua rappresentazione: il statua seduta di Jafra, che puoi anche vedere nel file Museo Egizio del Cairo.

La Grande Sfinge

Grande Sfinge e Piramide di Jaffra

Tuthmosis III, un conquistatore

Il nostro prossimo grande faraone non si distinse tanto per le sue preoccupazioni costruttive quanto per il suo desiderio di conquistare. In effetti, ha condotto così tante campagne nei territori dell'attuale Libano, Siria e Palestina che, durante il suo regno, l'Impero egiziano ha raggiunto il suo massima estensione territoriale.

Tuthmosis III governò dal 1479 al 1425 a.C. e, piuttosto che costruire templi, si occupò del restauro e dell'ampliamento di quelli esistenti. Tuttavia, deve i sette grandi Obelischi di Karnak. La sua tomba è stata scoperta nell'incomparabile Valle dei Re.

Amenofi III

Come il precedente, apparteneva al XVIII dinastia egizia e governò tra il 1390 e il 1353 davanti a Gesù Cristo. Il suo regno fu lungo e prospero, poiché seppe sfruttare le conquiste dei suoi predecessori per mantenere una posizione egemonica nella zona.

Era anche un grande costruttore. Tra le opere da lui promosse, la nuova tempio di Tebe o Soleb's, in Nubia. Del suo mausoleo solo il cosiddetto Colossi di Memnon, due gigantesche statue sedute, alte diciotto metri ciascuna.

Amenhotep IV o Akhenaton, chiamato il faraone eretico

Figlio del precedente, ha governato tra gli anni 1353 e 1336. È passato alla storia con il soprannome di Faraone Eretico perché ha istituito il culto monoteistico di Aton, che altro non era che il sole.

Come se non bastasse, si trasferì nella capitale dell'impero di Tebas a Ajetaton, l'attuale Amarna, dove costruì grandi templi per il nuovo culto con le ricchezze sequestrate ai vecchi sacerdoti. Ma questo significava anche una rivoluzione artistica. Fino ad allora, l'iconografia dell'arte egizia raffigurava gli dei come umanizzati. Ma con Amenhotep IV il protagonismo passò alla famiglia reale.

Akhenaton

Busto di Akhenaton

E dobbiamo anche parlarvi di questo, perché la moglie del Faraone era la più conosciuta Nefertiti che è apparso così tante volte nei film e nei romanzi. Una donna bella quanto ha il dono di governare, alcuni paleostorici ritengono che fosse la Semenejkara che ha co-governato con il faraone stesso prima e da solo in seguito. Tornando al tema dell'arte, appunto il Busto di Nefertiti È una delle sculture più conosciute dell'antico Egitto.

In qualità di sovrano, Akhenaton, con l'aiuto di Nefertiti, ha effettuato tutti i cambiamenti di cui vi abbiamo parlato e che sono conosciuti come il Rivoluzione di Amarna. Con esso, consolidò il potere reale contro quello dei sommi sacerdoti e il suo tempo fu di prosperità per il regno.

Tutankhamon, il più giovane tra i più importanti faraoni dell'antico Egitto

Era figlio del primo ma non di sua moglie ma di Meketaton, sua sorellastra, secondo alcune fonti, o di una delle sue zie, secondo altre. Governò i destini dell'Egitto tra il 1334 e il 1325, annullando in gran parte ciò che suo padre aveva fatto.

Chiamato il Kid King, ripristinato il culto politeistico restituendo gran parte del potere ai sacerdoti. Ha anche reintegrato la capitale a Tebas. Ma ha anche restaurato una buona parte dei monumenti danneggiati nella precedente fase turbolenta.

Tutankhamon potrebbe non essere tra i faraoni più importanti dell'antico Egitto, ma è senza dubbio il più popolare. La scoperta della sua tomba quasi intatta da parte di Howard Carter e la presunta maledizione che sembra essere caduta su tutti coloro che hanno partecipato alla scoperta lo hanno trasformato in un personaggio circondato da un'aura mitica. Da lì al cinema e alla letteratura c'è solo un passo e Child King ha recitato in numerosi film e romanzi.

Tutankamon

Tutankhamon a Luxor

Ramses II, il Re Costruttore

È considerato il faraone con il regno più lungo, poiché governò per 66 anni (dal 1279 al 1213 a.C.). Probabilmente era anche quello che ha avuto il maggior numero di figli, poiché si stima che siano circa un centinaio.

Ma è anche conosciuto come il re costruttore per il gran numero di templi spettacolari che aveva costruito. Tra questi, il suo mausoleo, il Ramesseum, nella Valle dei Re, oi famosi templi che la compongono Abu Simbel. Ma Ramses II è andato anche oltre. Ha costruito una nuova capitale dell'impero a est del delta del Nilo Pi-Ramses Aa-najtu o la città di Ramses. Infine, anche il nome della Great Royal Wife ti suonerà familiare: Nefertari, che si traduce come "per cui il sole splende".

Cleopatra VII, colei che mise a dura prova l'Impero Romano

Quando salì al trono nel 51 aC, l'egemonia mondiale apparteneva già a Roma. Tuttavia, questa potente donna ha fatto tutto il possibile per preservare l'Egitto, che non viveva più nel suo periodo migliore, dalle mani dei latini.

Senza dubbio, è il più famoso di tutti coloro che hanno ricoperto la carica di faraone. I tuoi rapporti con Marco Antonio e Giulio Cesare hanno generato innumerevoli film. Giustamente Cesarione, il figlio che aveva con la seconda, le sarebbe succeduta sul trono con il nome di Tolomeo XVSebbene fosse più simbolico che altro, perché quando Cleopatra morì, l'Egitto divenne una provincia romana.

La Cappella Rossa di Karnak

Cappella Rossa di Karnak

Apparentemente, Cleopatra era una donna straordinaria che sapeva come creare un'intera rete diplomatica, guidare le forze navali e persino scrivere trattati medici e libri di linguistica.

In conclusione, quelli che ti abbiamo mostrato sono alcuni dei faraoni più importanti dell'antico Egitto. A loro dobbiamo molti dei più grandi monumenti del mondo classico e l'eredità di una civiltà enormemente avanzata per il suo tempo. Tuttavia, c'erano altri importanti come loro. Per esempio, Menkaure, a cui si deve la terza piramide dell'altopiano di Giza; Amenemhat io, costruttore del complesso Il Lisht e autore di opere letterarie, o la regina-faraone Hatshepsut, il precursore di Cleopatra e che ha ordinato la costruzione del Tempio di Deir-el-Bahari e della Cappella Rossa di Karnak. Non pensi che quelli di questi personaggi siano biografie entusiasmanti?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*