La vita degli uomini a Sparta

Nella cultura popolare conoscevamo tutti gli uomini di Sparta grazie al film 300 Il contenuto della lezione di storia è stato improvvisamente trasferito al cinema e il film ha trasformato per sempre l'immagine degli Spartani.

Ma com'era veramente la vita a Sparta? Oltre quei corpi scultorei e l'arte della guerra, Com'era la vita per gli uomini di SpartaCome sono stati istruiti, in quali tipi di famiglia, come erano le loro mogli?

Sparta, la sua storia

Sparta era un città-stato dell'antica Grecia, situato sulla riva del fiume Eurotas, in Laconia, a sud-est del Peloponneso. Il suo boom militare avvenne intorno al 650 a.C. ed è un classico inimicizia con Atene al tempo della guerra del Peloponneso, tra il 431 e il 404 aC Vinse questa guerra e riuscì a mantenere la sua indipendenza politica fino alla conquista romana della Grecia.

Dopo la caduta dell'impero romano e la sua successiva segmentazione, Sparta non poteva sfuggire a quel destino e la sua luminosità è diminuitaAnche la sua gente finì per lasciare la città durante il Medioevo.

Ma quei secoli di importanza sono bastati perché avesse un suo capitolo nella storia, e questo grazie al suo sistema sociale e alla sua costituzione che sottolinea l'importanza del militarismo e della sua eccellenza.

La società spartana era chiaramente divisa in strati: erano i cittadini con tutti i loro diritti, chiamati Spartani, ma c'erano anche i mothake, persone che non erano spartane sebbene discendessero da Spartani ed erano libere. C'erano anche i file perikoi, non spartani liberi e Helots, non spartani che erano schiavi di stato.

Gli uomini spartani furono i veri protagonisti di questa società, loro e talvolta alcuni mothake e perioikoi, furono addestrati per la battaglia e divennero ottimi guerrieri. Donne? A casa, sì, con relativamente più diritti rispetto alle altre donne del suo tempo.

La storia di Sparta può essere suddivisa in un file periodo preistorico, un altro classico, un altro ellenico e un altro romano. Successivamente è seguito dal periodo post-classico e moderno. Il primo periodo è difficile da ricostruire poiché tutto è distorto dall'oralità nella trasmissione delle informazioni. Il periodo classico, invece, è il più registrato poiché corrisponde al consolidamento del potere spartano nella penisola.

Nella migliore delle ipotesi, Sparta aveva tra 20 e 35 cittadini., più le altre categorie di persone che componevano la sua società. Con questa quantità di persone Sparta era una delle città-stato greche più grandi e importanti.

È in questo periodo che il leggendario Battaglia delle Termopili che vediamo nel film, contro l'esercito persiano. Le cose sono andate un po 'come nel film, che si conclude con una sconfitta onorevole per gli Spartani. Nella vita reale, un anno dopo, Sparta riesce a vendicarsi facendo parte di un'alleanza greca contro i persiani, nella battaglia di Platea.

Qui vinsero i greci e con quella vittoria terminarono la guerra greco-persiana e le ambizioni dei persiani di entrare in Europa. Sebbene fosse un'alleanza greca a metterli fine, in quell'alleanza il peso degli eccellenti guerrieri spartani, capi dell'esercito greco, era estremamente importante.

anche in questo periodo classico Sparta ottenne un esercito tutto suo, quando tradizionalmente era una forza terrestre. E ha fatto così bene che ha rimpiazzato la potenza navale di Atene. In effetti, al suo meglio, Sparta era inarrestabile, dominando l'intera area e anche molte altre città-stato, e persino l'attuale Turchia.

Questo potere gli è valso così tanti nemici dovette affrontare gli altri stati greci nella guerra di Corinto. In questa guerra, Argo, Corinto, Atene e Tebe si unirono contro Sparta, inizialmente incoraggiati e sostenuti dai persiani. Sparta subì una sconfitta molto importante nella battaglia di Crido, alla quale parteciparono mercenari greci e fenici dalla parte di Atene, e le sue ansie espansionistiche furono ridotte.

Dopo più anni di combattimenti, fu firmata la pace, il Pace di Antalcida. Con lei, tutte le città greche della Ionia tornarono all'egida persiana e il confine persiano dell'Asia fu liberato dalla minaccia spartana. Da quel momento in poi Sparta iniziò ad essere sempre meno importante nel sistema politico greco, anche a livello militare. E la verità è che non si è mai ripreso dalla sconfitta nella battaglia di Leuctra e il conflitti interni tra i suoi diversi cittadini.

In tempi di Alessandro Magno anche il suo rapporto con Sparta non era del tutto roseo. In effetti, gli Spartani non volevano unirsi ad altri greci nella famosa Lega di Corinto quando fu costituita, ma furono costretti a farlo in seguito. Nel Le guerre puniche Sparta si schierò con la Repubblica Romana, cercando sempre di preservare la sua indipendenza, ma alla fine ha finito per perderla dopo aver perso la guerra di Laconia.

Dopo la caduta dell'Impero Romano le terre di Sparta furono devastate dai Visigoti ei suoi cittadini si sono trasformati in schiavi. Nel Medioevo Sparta perse per sempre la sua importanza e la moderna Sparta dovette attendere molti secoli, fino al XIX secolo, per essere rifondata dal re greco Ottone.

Sparta, la sua società

Sparta era un'oligarchia dominato da una casa reale ereditaria, i cui membri provenivano da due famiglie, gli Agiadi e gli Euripontidi. Hanno affermato di discendere da Eracle. I re l'avevano fatto obblighi religiosi, militari e giudiziari. In materia religiosa il re era il sommo sacerdote, in materia giudiziaria le sue dichiarazioni avevano autorità e in materia militare era il capo assoluto.

La giustizia civile era più governata da un gruppo di alti ufficiali, 28 uomini adulti sulla sessantina, generalmente appartenenti alle famiglie reali. Si è discusso di tutto tra loro e poi la questione in questione è passata ad un altro organo collettivo, ma questa volta di cittadini spartani, che hanno votato quanto proposto dagli anziani. Alcuni di questi problemi organizzativi e persino i poteri del re stavano cambiando nel tempo, in generale perdendo i poteri più assoluti.

Un ragazzo spartano è stato educato fin dalla tenera età ea volte c'erano bambini stranieri a cui era consentita quell'istruzione. Se lo straniero era molto bravo, forse gli è stata data la cittadinanza.

Ma questa educazione è stata pagata Quindi anche se tu fossi uno spartano, senza soldi non c'era istruzione e senza istruzione non c'era cittadinanza. Ma c'era un altro tipo di educazione per coloro che non erano dall'inizio, cittadini. È chiamato perikoi, ed era destinato a coloro che non erano spartani.

Devi saperlo in realtà a Sparta, gli stessi Spartani erano una minoranza. La maggior parte lo erano iloti, gente originaria della Laconia e della Messenia e che gli Spartani avevano vinto in battaglia e ridotti in schiavitù. Gli spartani non uccisero uomini e donne e i bambini divennero una specie di schiavi. Quindi, gli iloti divennero più simili ai servi, come nel resto delle città-stato greche.

Gli iloti potrebbero mantenere il 50% del frutto del loro lavoro e sposarsi, praticare una religione e possedere qualcosa, anche se non diritti politici. E se erano abbastanza ricchi, compra la loro libertà. Perché? Ebbene, a Sparta gli uomini si dedicavano al 100% alla guerra, quindi non potevano svolgere compiti manuali, ecco a cosa servivano gli iloti. La relazione non era priva di croccanti, ma a quanto pare gli Spartani si fidavano di loro poiché formavano persino squadroni militari di iloti.

Ad Atene, infatti, ci fu persino una rivolta degli schiavi e coloro che fuggirono corsero in Attica a cercare rifugio tra le truppe spartane. Ed è che questo aspetto della società spartana lo ha reso unico. Comunque, alla fine, ci sono state tensioni poiché gli iloti erano la maggioranza. E per quanto riguarda gli altri, il perikoi? Sebbene avessero la stessa origine sociale degli iloti, non avevano la stessa posizione. Non si sa bene cosa fossero, dato che erano liberi ma non avevano le stesse restrizioni degli iloti.

Ma se essere ilota o perioikoi non era facile, non lo era nemmeno essere uno spartano. Quando nasceva un bambino, se era deforme o malato, veniva gettato dal monte Taigeto. Se fossi un ragazzo ha iniziato la sua formazione all'età di sette anni per raggiungere la disciplina e l'eccellenza fisica. Sono stati nutriti quanto basta, mai di più, in modo che imparassero a sopravvivere con poco. Oltre ad imparare a combattere e maneggiare le armi, hanno studiato anche danza, musica, lettura e scrittura.

A una certa età era normale che avessero un mentore, generalmente un giovane adulto non sposato che potrebbe ispirarli come modello. Si dice anche oggi che lo fossero partner sessuali, anche se non è noto con certezza. Riguardo a educazione delle ragazze si sa molto poco, anche se si presume che fossero anche coscienziosamente istruiti, sebbene con un'enfasi su altri aspetti.

All'età di 20 anni, un cittadino spartano faceva parte di un club di circa 15 membri, il sissizia. Il loro legame finì per essere molto stretto e solo all'età di 30 anni potevano candidarsi per una carica pubblica. Fino all'età di 60 anni erano attivi. Si sono sposati a 20 anni ma erano solo con la loro famiglia a 30 anni quando si ritiravano dalla vita militare.

La verità è che sulla vita militare di Sparta ci sono molti miti, tutto adornato. C'è quello della donna che gli porge lo scudo prima di andare in guerra, per dirgli "Su di lui o con lui", cioè morto o vittorioso. Ma in verità, gli spartani morti non tornarono, furono sepolti sul campo di battaglia. Un altro mito racconta di madri spartane che odiano i loro figli deboli, ma sembra che in verità questi detti abbiano avuto origine ad Atene, per disprezzarli.

Parlando di donne, madri e mogli ... Com'era il matrimonio a Sparta? Plutarco dice che l'usanza di "Ruba la sposa". La ragazza si è poi rasata la testa e si è vestita da uomo per sdraiarsi sul letto al buio. Quindi il fidanzato entrava dopo cena e faceva sesso con lei.

Detto questo, non mancano le persone che ipotizzano che questa usanza, unica di Sparta, dica chiaramente che la donna dovrebbe camuffarsi da uomo in modo che suo marito possa in un primo momento fare sesso con lei, così abituato al sesso tra uomini .. .

Oltre a questo, La donna spartana occupava un posto unico tra le donne dell'antichità. Da quando sono nati erano nutriti proprio come i loro fratelli, non sono rimasti a casa, potrebbero esercitarsi all'aperto e si sposano durante l'adolescenza o anche a vent'anni. L'idea era di evitare gravidanze molto giovani in modo che nascessero bambini sani e le donne non morissero prima.

E per garantire anche un sangue forte l'usanza di condividi moglie è stato accettato. Forse un uomo più anziano ha dato a un uomo più giovane il permesso di dormire con sua moglie. O se il più grande non potesse avere figli. Ovviamente usanze che andavano di pari passo con il fatto che gli uomini morivano in battaglia ed era necessario non impoverire la popolazione. Inoltre, le donne erano istruite e avevano una certa voce propria, a differenza delle donne di Atene e di altre città-stato.

Sapevi tutto questo di Sparta?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*